TERAMO –  Vivo apprezzamento ha espresso il Prefetto di Teramo, Angelo de Prisco, per l’importante operazione condotta nelle ultime ore dalla Squadra Mobile della Questura di Teramo che, su disposizione della Direzione Distrettuale Antimafia de L’Aquila e in collaborazione con la Squadra Mobile di Ancona, ha dato esecuzione al decreto di fermo di 19 cittadini nigeriani sospettati di far parte di una cellula locale del sodalizio criminale “Supreme Eiye Confraternity”. “L’operazione sapientemente condotta dagli uomini della Polizia di Stato, sotto il coordinamento del Sostituto Procuratore Mancini, testimonia e conferma– ha dichiarato il Prefetto nel corso di un colloquio con il Questore De Simone – la capacità di analisi e di contrasto da parte degli apparati investigativi nei confronti della criminalità organizzata e, nello specifico, di una peculiare struttura criminale di dimensioni internazionali che negli ultimi anni ha assunto una pericolosità per molti versi paragonabile a quella delle mafie tradizionali”.