Basciano, che fine hanno fatto i 400.000 euro per ricostruzione della Chiesa di San Flaviano? Il Sindaco non ci sta

BASCIANO – Il Sindaco di Basciano Alessandro Frattaroli chiede informazioni in merito all’esclusione del finanziamento per la Chiesa di San Flaviano Vescovo in Basciano nello “stralcio secondo piano dei beni culturali”, con una lettera dai toni decisi. Destinatari della missiva sono stati il Commissario alla Ricostruzione Piero Farabollini, il Presidente della Giunta Regionale Marsilio, il Vescovo di Pescara Penne Mons. Valentinetti, il Presidente della CEI Card. Bassetti, il Direttore dell’USR Rivera, e l’ex presidente della Regione Abruzzo D’Alfonso, per conoscenza la stessa lettera è stata inviata anche al Premier Conte ed ai due Vicepremier.
Non ha voluto nascondere lo stupore in merito alla scomparsa del finanziamento di 400.000 euro per la ricostruzione, che era invece presente nell’elenco pubblicato nel maggio 2018 diffuso all’epoca sulla stampa e dall’allora Presidente della Regione Luciano D’Alfonso che in un post datato 12 maggio 2018, annunciava l’approvazione dell’ordinanza chiese in una successiva riunione della Cabina di Coordinamento.
Stesso elenco, quello di maggio 2018, ancora oggi presente sul sito dell’Ufficio Speciale della Ricostruzione sisma 2016 Abruzzo cliccando nella sezione Ricostruzione Pubblica e poi nel link Opere pubbliche ammesse a finanziamento nei comuni interessati (Aggiornamento al 19 settembre 2018) con indicazione dell’ordinanza in uscita per il finanziamento.
Il Sindaco commenta “E’ evidente quindi che l’elenco dei finanziamenti è stato modificato, ma sulla base di quali considerazioni? E su quale impulso? Ho voluto chiedere, per iscritto onde evitare inutili rimpalli di responsabilità, per quanto di competenza di ciascuno, chiarimenti in merito all’esclusione nel secondo elenco appena pubblicato del finanziamento per la Chiesa di San Flaviano in Basciano, rispetto a quello pubblicato nel maggio 2018, ove la Chiesa era invece presente con un finanziamento di 400.000 euro, auspicando che vengano trovate soluzioni nell’immediato e nello specifico che la nostra Chiesa Madre di San Flaviano Vescovo venga reinserita nell’elenco indicato in oggetto”. Continua il Sindaco “Devo purtroppo ricordare che Basciano è già stata esclusa ingiustamente ed in maniera immotivata dal cratere sismico del 2016/2017 da cui è circondato con ben quattro comuni confinanti, ed a seguito di tali eventi, tra i numerosi danni segnalati, sono state dichiarate inagibili quattro chiese tra cui la Chiesa Madre di San Flaviano Vescovo di Basciano. Alcuni comuni hanno visto finanziate numerose Chiese, anche di frazione; per questo noi siamo naturalmente felici, ma chiediamo che venga effettuata un’attenta valutazione delle chiese da riaprire al culto che tenga conto anche dell’importanza delle stesse per ciascuna comunità come lo è Chiesa di San Flaviano”. Ancora oggi la messa a Basciano viene celebrata in una tenda e cittadini e fedeli sono davvero stanchi di tale situazione disagevole, tant’è che su iniziativa del Parroco Don Andrea è iniziata anche una raccolta fondi con l’intento di avviare autonomamente una ricostruzione della Chiesa madre di San Flaviano. Il Sindaco e L’Amministrazione Comunale

Read Previous

Sanità, presidio Cgil dinanzi al Consiglio regionale: saranno consegnate 17.000 firme contro superticket e liste d’attesa

Read Next

Torano Nuovo, è morto il centauro vittima di un frontale