Campli, il candidato sindaco Di Stefano: “Porteremo gli uffici comunali anche nelle frazioni”

“Portare alcuni servizi comunali nelle frazioni di Campli per dare maggiore attenzione al cittadino specialmente agli anziani”. E’ quanto annuncia  il candidato sindaco della lista “Ricostruiamo Campli” Maurizio Di Stefano che pensa ad un modello amministrativo decentrato sul territorio, con alcuni uffici che una volta a settimana possano essere dislocati in alcune delle frazioni più grandi del comune di Campli.
“Il nostro è un comune molto grande con delle frazioni che distano quasi dieci chilometri dal capoluogo, in quest’ottica penso che un ufficio comunale debba essere dislocato una volta a settimana nella frazione di Floriano, una delle più grandi ma anche più distante dal municipio – prosegue Di Stefano – E’ una precisa richiesta che ci arriva da molti cittadini specialmente anziani che in occasione del pagamento dei tributi si trovano costretti a recarsi a Campli per avere chiarimenti su Imu o per vecchie cartelle Tari, a volte già pagate ma di cui l’ente ne rivendica il pagamento. Per queste ragioni, visto che abbiamo un locale molto ben tenuto come quello della ex scuola elementare, prenderò tra i miei primi impegni, quello di istituire una delegazione dell’ufficio tributi a Floriano, con la presenza fissa di una volta a settimana di un dipendente comunale che possa incontrare i cittadini ed offrire loro assistenza. E’ un modo nuovo di pensare l’ente amministrativo, meno burocrate e più vicino al territorio.” Altre ipotesi sono allo studio per portare in altri centri servizi ai cittadini, specialmente in frazioni popolose come Castelnuovo e Campovalano. Infine Di Stefano annuncia il potenziamento dell’ufficio periferico di S.Onofrio che dovrà essere veramente operativo e non solo un centro di raccolta documenti.

Read Previous

Case sfollati, istituito sportello di aiuto per la compilazione delle domande per l’assegnazione

Read Next

VIDEO | Premio Borsellino tutto l’anno: mille studenti in piazza per l’anniversario della strage di Capaci