Caos Ss 16, domenica a Silvi assemblea pubblica in piazza Marconi con i consiglieri comunali

SILVI Summit dei capigruppo consigliari questa mattina a Palazzo di Città per esaminare lo stato dell’arte in riferimento alla crescente situazione di emergenza venutasi a creare a causa del passaggio obbligato dei mezzi pesanti sulla SS 16 nel lungo tratto che attraversa la nostra città. I capigruppo hanno preso atto unanimemente della non forte e, almeno finora, non risolutiva presenza delle istituzioni superiori in questa vicenda che, per sua natura, ha carattere indiscutibilmente nazionale

“Lo spostamento tout court del transito dei tir dalla A/14 alla SS 16 – hanno sottolineato i presenti – non può e non deve essere considerata come la soluzione al problema della chiusura ai mezzi pesanti del tratto autostradale Pescara Nord/Pineto. Se in un mese abbiamo subito danni così gravi – hanno aggiunto – figuriamoci cosa potrebbe accadere se questa storia dovesse continuare ancora”.

I capigruppo consigliari, insieme al presidente del Consiglio Gambacorta hanno deciso di iniziare immediatamente un’azione corale e condivisa da tutte le forze politiche locali. Come primo atto è stato deciso di riunire tutti i consiglieri comunali e gli amministratori domenica prossima, 26 gennaio, alle 10 in piazza Marconi invitando l’intera cittadinanza a intervenire. In quella sede si parlerà della emergenza che Silvi sta vivendo in questi giorni e quali potranno essere le iniziative che tutta la città, amministratori pubblici, organizzazioni di categoria, associazioni, comitati civici e cittadini assumeranno per far valere i loro sacrosanti diritti.

Nel frattempo si sta procedendo alla richiesta ufficiale di autorizzazione per lo svolgimento di quella che sarà la prima grande manifestazione pubblica organizzata per suscitare l’attenzione e l’interesse del governo e dei media nazionali.

Read Previous

Colonnella, il PD difende il consigliere Di Benedetto querelato dal Sindaco Pollastrelli

Read Next

Ruzzo, la replica del Presidente Alessia Cognitti al PD