Martinsicuro, Città Attiva accusa l’Amministrazione comunale di cattiva gestione del territorio

MARTINSICURO – “Non è sicuramente nella natura di Città Attiva accodarsi alle esternazioni di altri gruppi di minoranza o di associazioni che, in un modo o nell’altro, hanno a cuore il territorio: sarebbe operazione fin troppo facile. Tuttavia ci corre l’obbligo ribadire come il progetto di completamento del Bike to Coast, iniziato nel corso del nostro mandato, sia stato caratterizzato da una tendenziosa mancanza di trasparenza e di comunicazione all’insegna della politica egoista che guarda ai propri tornaconti. Ma anche da una mancanza di rispetto verso le minoranze consiliari e, soprattutto, verso la cittadinanza su una questione di così grande interesse pubblico”. La nota è dell’associazione Città Attiva di Martinsicuro, che scrive: “Stiamo parlando di lavori che incideranno notevolmente sulla qualità della vita sociale di Martinsicuro, nonché su aspetti turistici ed economici, per cui appare ancora più importante condividere i vari aspetti del progetto, proprio per ridurre al minimo la possibilità di errori che poi saranno di difficile soluzione (si prenda ad esempio Piazza Cavour): per chi non conoscesse i risvolti paradossali della vicenda, ricordiamo che il nostro Consigliere D’Ambrosio, lo scorso 23 Settembre (un mese prima dell’inizio dei lavori), chiese espressamente al Sindaco di convocare la Commissione Governo del Territorio per un esame, quanto meno conoscitivo, del progetto: richiesta caduta nel vuoto (se si escludono i 5 minuti a margine di una riunione della Capigruppo a metà Ottobre)”.

“Cosa tanto più grave – continua la nota – se pensiamo a come, in campagna elettorale, gli attuali amministratori abbiano sbandierato ai setti venti la promessa di tenere un Consiglio aperto al mese con la possibilità di dare la parola ai cittadini. Nel giorno dedicato alla festa degli alberi, poi, non possiamo sottacere sulla scelta del tutto inopportuna, di procedere al taglio delle tamerici e di altre specie autoctone che, vista l’età, sono nel pieno del loro splendore estetico e funzionale all’ambiente, con la sostituzione di piante non autoctone che non hanno e non avranno mai lo stesso valore biologico. Come abbiamo premesso, non vogliamo ripetere quanto già evidenziato da chi ci ha preceduto, ma anche il fatto che l’amministrazione comunale non abbia avviato alcuna interlocuzione nei confronti di chi ha sollevato ufficialmente il problema, la dice lunga sul concetto di condivisione e dell’abusato bisogno di ‘lavorare tutti quanti insieme’ tanto caro a chi oggi guida la Città”.

“Appare anche paradossale ed assordante il silenzio di qualche comitato ambientalista che in passato si strappava le vesti ad ogni piè sospinto. In compenso, il maltempo del 20 novembre, fa riemergere in maniera impietosa i problemi di cattiva gestione del territorio, con strade e marciapiedi impraticabili, recinzioni che saltano e chiusini costantemente otturati dagli aghi di pino. In un quadro di questo tipo, l’ultima cosa da fare è proprio il taglio delle piante. Non so se siamo nelle condizioni di aspettarci qualcosa di serio in fatto di risposte – conclude Città Attiva – dopo 3 anni e mezzo, sarebbe la prima volta! Intanto, almeno Città Attiva, continua nel suo lavoro di opposizione, SENZA SCONTI DI SORTA”.

Read Previous

Decreto ristori tre, On. Torto (M5S): Governo risponde a esigenze cittadini abruzzesi, Marsilio non polemizzi

Read Next

Colpo nella Farmacia di Bellante stazione: rompono la vetrata e portano via 600 euro