Roseto, 160mila euro dalla Regione per la vigilanza e la prevenzione sanitaria sulle spiagge libere

ROSETO DEGLI ABRUZZI – L’assessore comunale al Demanio Orazio Vannucci informa che il Comune di Roseto ha ottenuto lo stanziamento di 160mila euro, nell’ambito di una ripartizione regionale, che dovranno essere utilizzati per il rispetto delle normative antiCovid sulle spiagge libere, ma anche in generale per la sicurezza della balneazione e la prevenzione sanitaria. I fondi serviranno a pagare servizi di vigilanza e pattugliamento.

“Come Comune – dichiara l’assessore Vannucci – siamo pronti a partire con le procedure di affidamento del servizio di pattugliamento e ‘moral suasion’ a soggetti terzi ma aspettiamo che la Regione sblocchi l’avviso che determini criteri e modalità di pagamenti delle somme riconosciute”.

“Noi Comuni costieri siamo particolarmente sensibili a questo tema visto che quotidianamente i cittadini ci riferiscono di assembramenti notturni sulle spiagge. Come ente finora siamo stati sensibili e con le nostre forze abbiamo ottemperato alle esigenze di contenimento con l’implementazione dei vigili a supporto del comando, con la cartellonistica di supporto nelle aree sensibili e con la sinergia che abbiamo stretto con le associazioni dei volontari. Questo in un primo periodo è stato sufficiente visto che anche che l’affluenza turistica non è quella tipica del mese di agosto. Ma ci avviciniamo alla fine di luglio e la preoccupazione cresce. Auspico dunque – conclude l’assessore Vannucci – che la Regione possa indicarci in che modo potremo contare su questa cifra di modo che il Comune possa dispiegare steward e vigilantes in quelle spiagge che possono trasformarsi in aree di assembramento notturno e quindi in un potenziale veicolo di contagio. Il comune di Roseto è pronto a fare la sua parte, ma serve che la Regione sblocchi le procedure”.

Read Previous

Disagio abitativo, SICET chiede a D’Alberto un tavolo con istituzioni e rappresentanti di inquilini e proprietari: la Giunta riduca Imu all’Ater

Read Next

Prati di Tivo, impianti a rischio chiusura: appello di Zennaro agli enti soci e alla Cassa Depositi e Prestiti