TERAMO, GLI AGROTECNICI SU INTESA PATRIMONIO ARBOREO DEL COMUNE: “NOI ESCLUSI”

TERAMO – Il Collegio Provinciale degli Agrotecnici e degli Agrotecnici Laureati di Teramo chiede al Comune di Teramo di essere parte attiva, come prevede la legge, della progettazione delle nuove aree verdi e della riqualificazione di quelle esistenti. Non è piaciuta al Collegio infatti l’esclusione, all’interno del protocollo da parte dell’Ordine dei Dottori Agronomi e Forestali della Provincia di Teramo e del Comune: un errore per gli Agrotecnici anche in prospettiva, con la redazione del futuro Regolamento del Verde. (Intesa Comune Agronomi su Patrimonio Arboreo)

Abbiamo letto dell’imminente firma di un protocollo d’intesa tra il Comune di Teramo e l’Ordine dei Dottori Agronomi e Forestali della Provincia di Teramo a proposito della reciproca volontà di intraprendere un percorso di collaborazione a supporto della progettazione delle nuove aree verdi e della riqualificazione di quelle esistenti” dichiara il Presidente del Collegio Provinciale degli Agrotecnici e degli Agrotecnici Laureati di Teramo, Agr. Emanuele Pierannunzi. “Si tratta di una iniziativa lodevole ed importante alla quale anche il nostro Collegio intende aderire anche perché, molte delle funzioni indicate dal protocollo e sottolineate dall’Assessore al ramo, Valdo Di Bonaventura, sono in capo al nostro Collegio e richiedono quindi le competenze di un agrotecnico o, quantomeno, il suo supporto”.

Spiace constatare come, ancora una volta, l’Ordine dei Dottori Agronomi e Forestali della Provincia di Teramo abbia deciso di proporre un’iniziativa tanto importante senza coinvolgere il nostro Collegio che, in provincia di Teramo, registra un maggior numero di iscritti rispetto al loro, preferendo invece invitare l’Ordine degli Architetti che, con il dovuto rispetto, ha un ruolo decisamente più sfumato quando si parla di progettazione delle nuove aree verdi, della riqualificazione di quelle esistenti e del monitoraggio del patrimonio arboreo” prosegue Pierannunzi. “Auspichiamo quindi che il Comune di Teramo, nella persona del Sindaco Gianguido D’Alberto e dell’Assessore Valdo Di Bonaventura, decida di coinvolgere, come è giusto, anche il Collegio Provinciale degli Agrotecnici e degli Agrotecnici Laureati di Teramo nella stesura e nella firma di questo protocollo così importante per il comune capoluogo e di coinvolgerci nella prossima Festa dell’Albero, che si terrà proprio presso l’Istituto Agrario Di Poppa-Rozzi, scuola da cui sono usciti moltissimi agrotecnici del nostro Collegio, ed in tematiche centrali per la nostra professione come il monitoraggio ed il controllo del patrimonio arboreo e la potatura degli alberi. Non vorremmo infatti che, dalla stesura del “protocollo d’intesa” siano esclusi proprio gli agrotecnici ai quali tale materia è demandata e che nel prossimo Regolamento del Verde siano illegittimanente attribuite competenze ai soli agronomi a discapito dei nostri iscritti e della loro professione”.

Read Previous

SGOMBERI, INCONTRO IN COMUNE CON ATER E SINDACATO SUI CASI DI VIA PO E VIALE CAVOUR: CERCASI SOLUZIONE PER LE FAMIGLIE

Read Next

CORRUZIONE, ARRESTI DOMICILIARI PER IL SINDACO DI CAPISTRELLO: 10 MISURE CAUTELARI