Calcio C, Grosseto ha incoronato Federico Guidi: forse è lui il vero Re

TERAMO – Basta un solo Fan Club, quello di Bouah, ma se fossimo stati più riflessivi oggi saremmo stati indecisi se riservarlo al romanista o al mister Federico Guidi, ieri espulso a Grosseto da chi ha travisato quella pacata gestualità fuori dall’area tecnica: era un segno di galanteria verso il calcio e verso gli avversari, un aspetto del pallone che pure conta per chi ce l’ha nelle corde e per chi sa leggere le situazioni. Se a ciò aggiungi che in Toscana il mister ci ha ricordato quanto possa incidere in una partita chi svolge il suo lavoro, il quadro è completo.

Nel primo tempo avevamo visto all’opera, infatti, il più brutto Teramo della stagione (anche Guidi lo asserirà, poi – ndr -), probabilmente a causa di scelte obbligate date dalle tantissime assenze, ma il mister riesce a trasformarlo nell’intervallo. Intanto “Mimmo il calcio” diventa attaccante esterno e Hadziosmanovic (per lui era stato previsto un po’ di riposo – ndr -) e Fiorani subentrano a Viero e Di Dio: la catena di destra, con il montenegrino e con Bouah, diviene un asse incontenibile per gli avversari ed il centrocampo con Fiorani beneficerà in corsa, pressing ed in dinamicità.

La gara cambia ed i biancorossi la dominano per oltre mezz’ora, senza riuscire a mettere a segno il goal vittoria, che pure ci sarebbe stato.

Ci teniamo a scrivere che questa nota nasce soprattutto dal pensiero di molti ed il là definitivo ce lo ha dato l’opinionista di Supergol, Alfredo Napolitani: “Guidi in pochi mesi ci ha fatto dimenticare Bombagi, Diakite, Santoro etc… e anche Paci! Propone un calcio semplice e bello, riuscendo a valorizzare i calciatori messi a disposizione dalla società senza mai essere banale. Non accampa scuse e sa essere aziendalista non facendolo pesare a giornalisti e tifosi. Umile al punto giusto, lavoro silenziosamente, da vero professionista!

Conclusioni? Federico Guidi è bravo: ci ha visto bene Federico, l’estate scorsa, ci aveva visto bene la Casertana l’anno precedente. Non ci aveva capito granché il Gubbio nel 2019, ma meglio così.

Read Previous

Giulianova, ciclabile e ponte ciclopedonale. Pepe: “finanziati dalla passata Giunta”

Read Next

Verrà presentato a Tortoreto “Il flusso della vita”, il nuovo libro di Giuliana Sanvitale

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: