Roseto, la mozione di Angelo Marcone per luoghi verdi, sicuri ed inclusivi

Meno di un mese fa veniva riportata, su diversi notiziari locali, la notizia riguardante un bambino intrappolato all’interno di un gioco della pineta Celommi, situata nel centro della nostra città. Le continue segnalazioni di mamme e padri di famiglia, i quali trasmettevano la propria paura nel permettere ai loro figli di divertirsi e crescere insieme ad altri coetanei all’interno di luoghi verdi come parchi e pinete, mi hanno spinto a chiedere, una volta per tutte, in maniera concreta un segnale contro l’incuria e il degrado che regnano oramai sovrani nelle aree ludiche di tutto il territorio. A questo si aggiunge la richiesta di aiuto di chi, avendo figli con disabilità, non riesce a trovare un luogo in cui permettergli di divertirsi con i suoi coetanei a contatto con la natura, un passo fondamentale per l’educazione al rispetto delle invalidità. Sono convinto che il divertimento e lo svago all’aria aperta sia fondamentale nella crescita e nell’educazione dei nostri bambini. Per questi motivi ho presentato la mozione Parchi Sicuri e Inclusivi, con la quale chiederò a gran voce al Sindaco e all’Amministrazione tutta di tornare ad interessarsi della sicurezza dei bambini, riqualificando parchi e aree oramai degradate e costruendone di nuove, realizzate possibilmente con materiali eco-sostenibili e soprattutto accessibili a tutti.

Read Previous

Teramo, Lavinia riaccende l’entusiasmo in città per Ivan Graziani: torna in auge il monumento e c’è l’idea del comitato

Read Next

Tortoreto, situazione scuole pessima tra inefficienze e contenziosi: la fotografia di Impegno Civico