L’obbligo vaccinale come arma biopolitica: se ne parla il 23 novembre a Bellante

BELLANTE – Si terrà sabato 23 novembre alle 17, nell’ex asilo in piazza Arengo a Bellante Paese, la conferenza ad ingresso libero dal titolo “L’obbligo vaccinale come arma biopolitica”. All’incontro, promosso dall’associazione culturale Nuove Sintesi, interverranno come relatori il Prof. Matteo Simonetti (filosofo, storico, saggista, ricercatore, insegnante) e il Dott. Massimo Pichiecchio (Medico Chirurgo). La moderazione sarà affidata a Roberto Di Furia (Nuove Sintesi).

Ecco alcune note introduttive sul tema. “Si parlerà dell’obbligo vaccinale come arma biopolitica”, dice il Prof. Matteo Simonetti, “sviscerandone le contraddizioni logiche e giuridiche. In una società nella quale dal punto di vista dei costumi sociali vige il libertinismo, l’individuo è schiacciato da una mania normativa che colpisce ogni dissenso, accampando una urgenza pubblica fittizia. La legge sull’obbligo vaccinale ci consente di smascherare questo inganno.” Il Dott. Massimo Pichiecchio aggiunge che si “Parlerà dei vaccini da un punto di vista medico scientifico ponendo quesiti sull’obbligatorietà e sugli effetti collaterali.”

Read Previous

Tercoop, riunione interlocutoria: il Comune si prende 7 giorni ma c’è assemblea dei soci in attesa del Tar

Read Next

Doppio appuntamento con Roberto Michilli per la presentazione del libro “Sentimentál”