Breaking News :

Fondazione Tercas, Verzilli pungola D’Alberto: la sua una battaglia di retroguardia senza fondamento, lo attendo in Consiglio

TERAMO – All’esito dell’elezione, avvenuta ieri, del nuovo Presidente della Fondazione Tercas nella persona del Dott. Gianfranco Mancini, apprendo con favore che il Consiglio di Indirizzo dell’Ente abbia ritenuto di dover procedere ad un rinnovo del vertice aziendale nell’ottica di un cambiamento gestionale il quale, a prescindere dalle considerazioni che saranno state svolte in piena autonomia e indipendenza dai membri del Consiglio di Indirizzo, è da guardarsi con pieno assenso intellettuale e scevro da condizionamenti politici, proprio in virtù dei dati di bilancio che mi sono premurato di studiare e di comparare alle gestioni delle altre principali fondazioni bancarie abruzzesi.
Nel formulare alla nuova presidenza i migliori auguri di buon lavoro, attendo che il sindaco di Teramo – nella seduta consiliare della prossima settimana – voglia esaustivamente rispondere alla dettagliata interrogazione scritta che ho depositato lo scorso mese di ottobre, al fine di chiarire al Consiglio comunale e alla cittadinanza tutta le motivazioni che lo hanno indotto a spendersi ancora una volta per una battaglia di retroguardia che non aveva un fondamento tecnico, ma che addirittura ha rappresentato un’ingerenza politica sul formarsi del libero convincimento del Consiglio di Indirizzo della Fondazione Tercas, la qual cosa è da un lato in contraddizione con la dichiarata volontà del primo cittadino di non voler esercitare pressioni politiche di sorta, e dall’altro lato potrebbe rivelarsi foriera di negative ripercussioni per la città di Teramo, sotto l’aspetto della conservazione dei cordiali rapporti di collaborazione che sono sempre intercorsi fra l’Amministrazione comunale e la Fondazione stessa.

Il Consigliere Comunale
Ivan VERZILLI

Read Previous

Ekuo Meteo | Mercoledì 20 Novembre 2019

Read Next

Jova Beach Party, le richieste di chiarimento sui 25mila euro di fondi pubblici fanno scappare la Giunta dal Consiglio