Breaking News :

Educazione finlandese… in edifici scolastici italiani

Apertura del nuovo anno scolastico senza novità di rilievo nel campo dell’edilizia scolastica teramana, ed abruzzese in generale.

Nel cratere sismico aquilano (2009), dopo 10 anni dal disastroso terremoto, non una scuola nuova è stata realizzata, e generazioni di studenti hanno iniziato, e concluso, il loro ciclo scolastico dell’obbligo all’interno dei moduli ad uso scolastico provvisorio (MUSP), per i quali la definizione “provvisorio” sembra, sempre più, una presa in giro.

Nel teramano, a parte alcuni esempi virtuosi relativi a nuove realizzazioni (vedasi le due scuole nuove, innovative anche per estetica e spazi, di Crognaleto; la ristrutturata scuola di Tossicia; la nuova scuola di Petriccione di Castellalto) e diverse opere di adeguamento e miglioramento sismico (le due cose, però, non sono sinonimi: adeguamento vuol dire rendere una struttura esistente adeguata alle normative vigenti, miglioramento significa aumentare la sicurezza, restando, però, sempre sotto le soglie minime di legge), la sostituzione dell’obsoleto patrimonio edilizio scolastico sembra dover attendere tempi lunghi, anche lunghissimi. Eppure gli indici di vulnerabilità sismica ci dicono che quasi nessuna scuola è sicura.

Lo ha ammesso anche il primo cittadino del Capoluogo, che si è scusato dei ritardi, annunciando, però, che per quando riguarda la didattica, Teramo seguirà l’esempio finlandese.

Ma come funziona il sistema finlandese, da molti definito uno dei sistemi scolastici migliori del mondo?
I bambini finlandesi iniziano la scuola dell’obblico al­l’e­tà di set­te an­ni per una durata di no­ve an­ni. A cir­ca 16 an­ni pos­so­no quindi de­ci­de­re se proseguire negli studi op­pu­re no. Se de­ci­do­no di far­lo han­no due op­zio­ni: il li­ceo, che pre­pa­ra agli stu­di ac­ca­de­mi­ci, e la scuo­la pro­fes­sio­na­le, che of­fre del­le com­pe­ten­ze in un cer­to me­stie­re e dà la pos­si­bi­li­tà di con­ti­nua­re con la scuo­la uni­ver­si­ta­ria pro­fes­sio­na­le.
In questo modo in Finlandia la media dei laureati è cresciuta fino al 45% mentre l’Italia con la media nazionale di laureati del 22,4% è la più bassa in Europa (dati Eurostat 2013), mentre l’Europa punta al 40% di laureati entro il 2020.
Il si­ste­ma uni­ver­si­ta­rio fin­lan­de­se com­pren­de 16 uni­ver­si­tà e 24 scuo­le uni­ver­si­ta­rie pro­fes­sio­na­li: in tut­to 40 uni­ver­si­tà che ogni an­no of­fro­no ai neo­di­plo­ma­ti la pos­si­bi­li­tà di stu­dia­re gratuitamente.
Prima del ciclo della scuola dell’obbligo i ge­ni­to­ri pos­so­no sce­glie­re li­be­ra­men­te se far fre­quen­ta­re ai pro­pri fi­gli la “esi­kou­lu”, in cui i bam­bi­ni e le bam­bi­ne di sei an­ni tra­scor­ro­no un an­no pri­ma del­l’i­ni­zio del­la scuo­la ele­men­ta­re. Qui me­tà del­la gior­na­ta è im­pie­ga­ta in at­ti­vi­tà di ti­po sco­la­sti­co men­tre nel­l’al­tra me­tà si svol­go­no le at­ti­vi­tà ti­pi­che di un asi­lo. Fi­no ai sei an­ni la mag­gior par­te dei bam­bi­ni fin­lan­de­si fre­quen­ta la scuo­la ma­ter­na, gli al­tri re­sta­no a ca­sa con la fa­mi­glia.
A dif­fe­ren­za del­l’I­ta­lia e di mol­ti al­tri Pae­si, in Fin­lan­dia non esi­sto­no scuo­le pri­va­te. Tut­te le scuo­le del­l’ob­bli­go so­no pub­bli­che, il che ren­de il si­ste­ma mol­to uni­for­me. In Fin­lan­dia tut­ti i bam­bi­ni fre­quen­ta­no le stes­se scuo­le a pre­scin­de­re dal­lo sti­pen­dio o dal li­vel­lo di istru­zio­ne dei ge­ni­to­ri. Tut­ti i bam­bi­ni so­no nel­la stes­sa scuo­la e nes­su­no può sce­glie­re una scuo­la di­ver­sa per i pro­pri fi­gli; non esi­sto­no nem­me­no scuo­le spe­cia­li per bam­bi­ni con par­ti­co­la­re ta­len­to o con dif­fi­col­tà par­ti­co­la­ri.
La scuola Finlandese può essere definita la scuola della domanda. Si privilegia la capacità, infatti, di fare domande a quella di dare risposte pre-confezionate. L’ascolto e l’osservazione del docente prevale sul suo intervento diretto. Si impara facendo e fino a 13 anni non ci sono voti.
Que­sto ti­po di si­ste­ma è re­so pos­si­bi­le in pri­mis dal fat­to che tut­ti gli in­se­gnan­ti ri­ce­vo­no un’ot­ti­ma for­ma­zio­ne: tut­ti de­vo­no avere una formazione universitaria, an­che chi la­vo­ra nel­le scuo­le ma­ter­ne. A par­ti­re dal­la pri­ma clas­se del­la scuo­la ele­men­ta­re la qua­li­fi­ca mi­ni­ma per in­se­gna­re è la lau­rea magistrale in teacher training. È quin­di fon­da­men­ta­le che chi la­vo­ra a con­tat­to coi mi­no­ri ab­bia un’ot­ti­ma e so­li­da edu­ca­zio­ne. La selezione per chi vuole intraprendere la carriera docente è elevata: mol­te per­so­ne vo­glio­no iscri­ver­si ai cor­si di lau­rea per di­ven­ta­re in­se­gnan­ti (circa 6000 matricole l’anno) ma sol­tan­to il 10% ot­tie­ne il po­sto.
Naturalmente un docente così qualificato viene anche adeguatamente retribuito, con un redditi che va da un minimo di 32.000 euro per gli insegnanti di scuola primaria ad un massimo di 49.000 euro per gli insegnanti di scuola secondaria di secondo grado (a fronte di un PIL pro capite medio di circa 38.000 euro). In Italia, con un PIL pro capite medio di 32.000 euro gli insegnanti prendono da un minimo di 19.000 euro ad un massimo di 33.000 euro.
In Finlandia le  scuo­le so­no or­ga­niz­za­te in mo­do che i ra­gaz­zi con disabilità o con bi­so­gni spe­cia­li ven­ga­no in­clu­si in tut­te le at­ti­vi­tà. Hanno classi dedicate e super attrezzate, all’interno delle scuole comuni, con docenti ed educatori dedicati a sviluppare programmi personalizzati, ma al contempo lavorano con i compagni in alcune discipline e a turno i questi ultimi lavorano con loro. L’in­se­gna­men­to di so­ste­gno in Fin­lan­dia è uni­co al mon­do per­ché si ba­sa sul ri­co­no­sci­men­to del­le rea­li dif­fi­col­tà di ap­pren­di­men­to, sul­la lo­ro evo­lu­zio­ne e pre­ven­zio­ne piut­to­sto che sul­le cau­se me­di­che. È af­fian­ca­to da psi­co­lo­gi, me­di­ci, con­su­len­ti, as­si­sten­ti so­cia­li e al­tre fi­gu­re.
A livello didattico il concetto di classe è superato da tempo e si lavora per gruppi e sottogruppi di apprendimento dove ogni studente può trovare ciò di cui ha più bisogno: un approfondimento, un recupero o lo sviluppo di un particolare talento. Questo sistema favorisce l’inclusione e lo sviluppo delle competenze sociali.
ll focus è centrato sullo studente e sulle relazioni: si dà più im­por­tan­za al­la re­spon­sa­bi­li­tà e al­la fi­du­cia che al­le ve­ri­fi­che o agli esa­mi.
Naturalmente, come per ogni sistema umano, ci sono luci ed ombre.
Nel 2011, il 21 aprile, il giornale Il Foglio pubblicava un articolo a firma dello storico della scienza, Giorgio Israel (scomparso nel 2015), riportato poi sul blog dello stesso autore, dal titolo “ Il bluff della matematica finlandese (e quel che si insegna sui test)“. Pur entrando solo nel merito della materia, l’articolo è stato una critica severa ai limiti a cui porterebbe questo tipo di insegnamento.
Giorgio Israel condannava l’impostazione della didattica finlandese per la matematica, perché la riteneva finalizzata alla buona riuscita dei test (in particolare quelli Ocse-Pisa) e non alla capacità di valutazione dello studente. E’ come se si insegnasse a ragionare con la logica di una calcolatrice, anziché usare la calcolatrice come ausilio al ragionamento.
In un passaggio del suo articolo, Israel precisava: “ Sintetizziamo rapidamente le caratteristiche dell’“oggetto didattico” detto “matematica” che queste riforme hanno man mano costruito. In primo luogo, non si fanno quasi più dimostrazioni. L’insegnante si limita a trasmettere i risultati come manuali d’istruzioni senza proporne quasi mai la prova logica. È superfluo dire che questa scelta, oltre a produrre un tipo di insegnamento nozionistico – che soltanto un estremo semplicismo rende accettabile – atrofizza le capacità logico-deduttive dello studente. Inoltre, insegnare la matematica senza dimostrazione è come pretendere di addestrare uno scultore senza mai mettergli in mano uno scalpello. In secondo luogo, la geometria è quasi sparita dall’insegnamento, il che non stupisce perché la geometria senza dimostrazioni non ha senso. Questa sparizione produce un’altra conseguenza molto negativa: l’atrofizzazione delle capacità di intuizione spaziale che sono stimolate in modo decisivo dal pensiero geometrico“.
A questa riflessione se ne aggiunge un’altra elaborata da Olli Martio dell’University of Helsinki, Marticulation Board in Finland, secondo il quale il modello di insegnamento della matematica in Finlandia potrebbe produrre effetti inattesi.
In un pdf riassume tutta una serie di cambiamenti avvenuti in Finlandia nell’insegnamento della matematica, che avrebbe portato gli studenti ad avere un calo di rendimento addirittura nelle operazioni più semplici. Nella conclusione, Olli Martio richiama l’attenzione sul fatto che: l’uso del calcolatore avviene in maniera errata con alcuni effetti che potrebbero essere disastrosi; la struttura didattica in uso in Finlandia non fa acquisire le abilità di cui si ha bisogno in futuro; il concetto del “ problem solving“, cioè la capacità di saper trovare una soluzione a qualsiasi problema, è stato stressato oltremodo sin dal momento in cui non era più in grado di rispondere alle necessità della società attuale.
Anche tornando sulle questioni più generali, va considerato il contesto paese in cui si inserisce il modello di insegnamento finlandese fortemente ispirato al raggiungimento dell’uguaglianza e dell’eccellenza. Inoltre paragonare un sistema scolastico di un paese di 5 milioni di abitanti a quello di un paese con 60 milioni di abitanti di cui molti immigrati con culture e retro-culture diverse non è facile.
L’Italia è senza dubbio un paese più complesso e anche il sistema scolastico si trova ad affrontare problematiche diverse che in Finlandia neanche immaginano.
Il sistema finlandese quindi, può essere utilizzato per ciò che si può adattare alla nostra realtà, non dimenticando le eccellenze che, fino a qualche anno fa, l’esperienza didattica italiana.
Quello che risulta evidente. è l’investimento del governo finlandese sul capitale umano e sulle risorse materiali. L’investimento in capitale umano si traduce nella quantità e qualità dei docenti a disposizione degli studenti: il sostegno che offrono per il recupero delle carenze è determinante per il raggiungimento dei risultati. Tutto è basato su un finanziamento pubblico delle scuole degno di tale nome; esiste un monitoraggio costante degli studenti e, per i ragazzi che  vivono nelle campagne, è previsto un sistema di trasporto pubblico gratuito.
In più gli insegnanti godono di molta libertà didattica e organizzativa, cosa che in Italia è garantita sulla carta, ma poi difficile da realizzare.
In Italia i govenri degli ultimi anni non hanno fatto passi sensibili per cambiare questa situazione.  Tutto si basa sulle carenze di finanziamenti per la scuola, che risulta sempre penalizzata rispetto ad altri settori; in più ogni nuovo Ministro mette in campo la “sua” riforma del sistema scolastico, spesso senza basi pedagogiche e didattiche.
Per quanto riguarda, poi, la spesa nelle strutture scolastiche, nei laboratori, nel materiale tecnologico, mentre le scuole finlandesi offrono spazi comuni di convivenza, mense e laboratori, in Italia molti istituti hanno gravi danni strutturali e necessitano di robuste ristrutturazioni.
E non bastano le “buone scuole”, “scuole belle”, “scuole sicure”, e i proclami di stanziamenti, sempre largamente inadeguati, per la messa in sicurezza, non solo sismica, dell’immenso patrimonio edilizio scolastico italiano. Serve un piano nazionale serio, che privilegi le strutture scolastiche rispetto ad altre opere, sicuramente altrettanto strategiche, ma di certo meno urgenti.
Altrimenti, tra qualche mese, potremmo ritrovarci, di nuovo, a piangere altri morti sotto le macerie dell’ennesima scuola crollata per un sisma o per un difetto strutturale. E questo, francamente, di finlandese ha ben poco.
di Raffaele Di Marcello

 

Read Previous

Industria, in luglio il fatturato sull’anno scende del -0,5% sia nel mercato interno (-0,6%) che estero (-0,4%)

Read Next

VIDEO | Scuola di Colleatterrato ferma, Di Padova dà ultimatum: dal 15 ottobre niente più somme all’impresa