Gatti ex Manicomio, domani il Comune assegnerà incarico alle associazioni locali. Meta: “Arrivate richieste adozioni”

TERAMO – Dovrebbe arrivare domani mattina la consegna ufficiale delle chiavi dell’ex Manicomio alle due associazioni locali che si occuperanno della cura, dell’alimentazione e della cattura delle colonie feline rimaste all’interno delle strutture di via del Baluardo e di via delle Recluse. Come già preaannunciato da ekuonews.it, l’incarico dovrebbe essere affidato all’associazione “Amici degli Animali” ed a Brenda Marsilii, anche se è notizia di oggi che la stessa sarebbe fuori dall’Enpa Teramo.
Intanto da questa mattina alcune associazioni animaliste si sono dette ancora preoccupate per la salute degli animali.  Anna Capponi della lega del Cane ha fatto sapere che nella colonia di via delle Recluse il gattino trovato morto ancora non sarebbe stato stato prelevato e smaltito dalla Asl.  I felini non sarebbero  alimentati da ieri, sabato 18. Inoltre gli oltre 14 gatti presenti, vengono ancora alimentati ubicamente da volontari attraverso lo spazio sotto il cancello carrabile.
Nel pomeriggio è arrivata anche una comunicazione da parte dell’Associazione Meta, Movimento Etico Tutela Animali e Ambiente, che si era occupata della vicenda la scorsa settimana irrompendo sulla scena, tramite il presidente Valerio Vassallo. I volontari, ricordiamo, venerdì scorso, 17 maggio, avevano avuto l’autorizzazione di effettuare un sopralluogo, accompgnati dal Rettore dell’Università  Dino Mastrocola. Erano stati loro a rinvenire alcuni felini, tra cui un gattino morto, oltre a portare dentro cibo e acqua. “L’associazione Meta andrà a fondo in questa vicenda affinché si faccia chiarezza su quanto sta avvenendo – scrivono – Laddove non si dovesse risolvere questa situazione, in settimana i rappresentanti Meta torneranno a Teramo per effettuare un sopralluogo”. La stessa associazione si propone per effettuare la cattura e portare i felini in un luogo sicuro

 

 

Read Previous

A Pescara un 31enne pugliese in ospedale con 25 giorni prognosi dopo una lite per rivalità calcistiche

Read Next

Evoluzioni in casa Teramo Calcio ma la città pallonara può attendere