PROTEZIONE CIVILE: DAL GIAPPONE ALL’ABRUZZO PER CONOSCERE COME FUNZIONA LA MACCHINA DEI SOCCORSI

L’AQUILA – Una delegazione del governo Giapponese composta da deputati della Camera dei Rappresentanti, accompagnati da esponenti della “Society for Disaster Shelter and Refugee Life”, sono stati ricevuti questa mattina all’Aquila dal sottosegretario alla Presidenza della Regione con delega alla Protezione Civile, Mario Mazzocca. La delegazione nipponica è da alcuni giorni in Italia per effettuare un viaggio di studio finalizzato a conoscere nel dettaglio tutte le componenti del sistema di Protezione Civile utilizzate nelle fasi post-emergenziali e di soccorso alle popolazioni colpite da eventi disastrosi. I componenti della delegazione si occupano, a vario titolo, della gestione dei disastri e delle problematiche, sanitarie e materiali, riguardanti la vita degli sfollati di un territorio colpito da eventi calamitosi. Ancora oggi, sono impegnati nelle problenatiche del dopo sisma del 2011 che ha colpito Fukushima e le regioni limitrofe e del sisma del 2016 che ha colpito la regione di Kimamoto.

“Il nostro sistema di Protezione Civile è piuttosto indietro rispetto a quello italiano” ha detto il capo delegazione, il deputato Takai Takashi, “e per questo vorremmo prendere a modello quello vostro per esportarlo in Giammpone ede elevare i nostri standard di soccorso e di assistenza”.

In particolare i componenti la delegazione erano interessati a conoscere in che modo e da chi viene allertata la macchina dei soccorsi, come vengono mobilitate le forze in campo e il personale specializzato, come è organizzato il sistema di protezione civile sia a livello centrale, che regionale.

Dopo l’incontro con Mazzocca, la delegazione giapponese ha effettuato un sopralluogo in diversi siti del progetto CASE e MAP dell’Aquila.

Read Previous

LO SCRITTORE ERRI DE LUCA TORNA A PINETO

Read Next

SICUREZZA, DOMANI A SILVI ASSEMBLEA PUBBLICA ORGANIZZATA DAL M5S