VIDEO | Obiettivo Tortoreto: necessario sistemare definitivamente via Panoramica

TORTORETO – L’associazione Obiettivo Tortoreto è tornata a porre l’attenzione sulle condizioni della Strada Panoramica, un tratto sulle collina tortoretana, da sempre importante per chi sceglie percorsi viari alternativi.

Due anni fa la medesima associazione aveva dato atto ad una raccolta firme e la via,  dopo il termine dei lavori di sistemazione del viadotto autostradale  e il ripristino del tratto di via Muracche 2, era tornata transitabile, anche se limitatamente al traffico leggero.

Una situazione provvisoria che dopo due anni torna ad essere oggetto di criticità nei punti dove l’intervento non era stato completato.

L’associazione Obiettivo Tortoreto dopo aver effettuato un sopralluogo nella zona con la presenza del consigliere comunale Domenico Di Matteo, il presidente Enzo Taddeo e il coordinatore Adriano Cavatassi, rilancia a gran voce l’urgente necessità di ultimare la sistemazione di un tratto che appare, tra l’altro, anche pericoloso.

“Questa strada sembra essere finita nel dimenticatoio”, sottolinea il consigliere comunale Di Matteo, “ho chiesto al Presidente della Provincia Di Bonaventura di occuparsi al più presto di questa via molto trafficata soprattutto nel periodo estivo”.

“La Strada panoramica rappresenta una importante via alternativa che permette il deflusso del traffico in caso di blocco o necessità sulla S.S. 16”, aggiunge il coordinatore Adriano Cavatassi, “avere questa via in buone condizioni è di fondamentale importanza.

“Sono passati 2 anni dalla raccolta firme e questa strada la vediamo ancora dissestata”, conclude il Presidente dell’associazione Enzo Taddeo, “bisogna agire prima del sopraggiungere del pieno inverno per evitare che diventi davvero pericolosa. Mi rivolgo anche agli amministratori locali affinchè si occupino maggiormente di queste criticità “.

ASCOLTA IL PRESIDENTE ENZO TADDEO

Read Previous

Calcio C, Teramo-Casertana si giocherà con inizio alle ore 20:30

Read Next

Popolare di Bari, i dubbi di D’Alberto sulla rappresentatività territoriale e sui posti di lavoro