VALLE CASTELLANA – Viabilità, investimenti, ricostruzione e sostegno alle attività produttive sono le priorità ribadite al governatore Marsilio dal sindaco di Valle Castellana Camillo D’Angelo che, in una nota, ringrazia Marsilio con il Sottosegretario D’Annuntiis e la Presidente Ater Ceci per la loro visita e la vicinanza alla comunità.

“Ci tengo a ringraziare, a nome dell’Amministrazione e della cittadinanza di Valle Castellana, il Governatore Marsilio, il Sottosegretario D’Annuntiis ed il Presidente dell’Ater Ceci che ieri pomeriggio sono venuti in visita nel nostro territorio dimostrando, con i fatti prima che con le parole, la vicinanza alla nostra comunità” dichiara il primo cittadino, Camillo D’Angelo.

Nel corso dell’incontro sono stati affrontati alcuni annosi problemi che riguardano l’intero territorio, a cominciare dal problema viabilità. “Le strade nel nostro comune versano in condizioni disastrose – sottolinea il Sindaco – lo stesso Governatore ha potuto toccare con mano una situazione di degrado imbarazzante che, malgrado gli interventi messi in campo dalla Provincia di Teramo, rimane a forte rischio. Per questo motivo abbiamo chiesto ai vertici della Regione Abruzzo una maggiore celerità sia nell’esecuzione degli interventi di manutenzione sia nella realizzazione di nuovi lavori per il ripristino del manto stradale”.

Altro tema al centro del dibattito è stato quello della ricostruzione. “Al netto del grande impegno messo in campo dal Direttore dell’Ufficio Speciale per la Ricostruzione, Vincenzo Rivera, e dalla sua struttura purtroppo dobbiamo constatare che la ricostruzione a Valle Castellana è ferma anche per colpa dei legacci della burocrazia e della lentezza di alcuni enti che, con i loro vincoli ed il loro pareri, come la Sovrintendenza, rendono ancora più lente le procedure. Anche qui abbiamo chiesto iter più snelli e grande attenzione alla Regione per evitare che il nostro territorio venga penalizzato fino ad arrivare al definitivo spopolamento” chiarisce D’Angelo.

“Abbiamo poi sottolineato, ancora una volta, i numerosi danni causati dalla fauna selvatica e dai cinghiali in particolare che creano problemi seri alla collettività, agli agricoltori ed agli allevatori – ribadisce il primo cittadino – anche qui servono degli interventi veloci e concreti per venire incontro a chi lavora e investe sulla montagna. Non è possibile che ci siano tempi biblici per essere rimborsati dai danni o che la burocrazia sia sempre e solo oppressiva verso chi lavora nelle aree montane. Un esempio per tutti abbiamo chiesto al Governatore di intervenire a favore dei nostri allevatori che, al momento, sono costretti a lasciare i pascoli montani il 15 ottobre quando, con il caldo degli ultimi anni, sarebbero potuti restare in quota molto più a lungo risparmiando sul foraggio e sull’utilizzo delle stalle a valle”.

Gli amministratori hanno poi chiesto alla Presidente dell’Ater la realizzazione di nuovi appartamenti di edilizia popolare. “Sono anni che attendiamo notizie – dichiara Camillo D’Angelo – al momento ci sono solo 10 alloggi e non bastano per venire incontro alle esigenze del territorio, anche in questo ambito urgono interventi rapidi”.

Infine il Sindaco di Valle Castellana ha proposto al Governatore Marsilio la realizzazione di una zona economica montana speciale con sgravi fiscali ed eventuali aiuti e sussidi a quanti aprono o gestiscono bar, ristoranti o strutture ricettive. “Per far rinascere la montagna bisogna tornare ad investirci – ribadisce il Sindaco – servono proposte shock per far sì che questi territori invertano la rotta e le persone tornino a viverci ed a investirci. Auspico che la Regione Abruzzo faccia sentire ancora di più la sua presenza ed investa risorse sul nostro comprensorio”.