Riapertura scuole, D’Alberto ad Ascani: subito linee guida, risorse per gli interventi e potenziamento organici

Incontro questa mattina in videoconferenza col Ministero della Pubblica Istruzione, presente il Viceministro Anna Ascani sulla riapertura delle scuole in Abruzzo. Per Anci Abruzzo hanno partecipato il Presidente Gianguido D’Alberto e il Delegato Giovanni Paolo Rosato, per Regione Abruzzo l’Assessore Fioretti e il Direttore dell’USR Tozza e i rappresentanti di UPI.

TERAMO – Si procederà ad un’analisi sulla base dei dati tecnici degli spazi attualmente disponibili (in Abruzzo ci sono 9000 classi di cui solo 2000 hanno meno di 15 alunni) che Regione Abruzzo invierà al Ministero e che saranno rielaborati determinando un cruscotto di informazioni che saranno una piattaforma comune di lavoro dei diversi attori istituzionali.

Il Presidente D’Alberto ha rimarcato la necessità di avere subito le linee guida come base certa degli interventi da realizzare.

Ha ricordato che accanto al potere commissariale che è stato dato ai Sindaci per gli interventi che si renderanno necessari, questi poteri devono essere accompagnati da risorse perché possano essere effettivamente esercitati.

Ha ricordato che le criticità riguarderanno anche l’organico del personale per le situazioni più difficili.

Ha poi messo in evidenza che l’Abruzzo è interessato da due crateri sismici che determinano, in particolare in quello del 2016, una situazione di maggiore difficoltà nel reperimento di ulteriori spazi ed è stata avanzata l’ipotesi di ricorrere anche ai musp.

Il Delegato Rosato ha ricordato che nelle aree interne c’è un patrimonio di strutture che sono state dismesse con le razionalizzazioni e che possono essere rimesse in gioco.

L’Assessore Fioretti ha ricordato di aver attivato un tavolo regionale con la partecipazione anche dell’azienda di trasporto pubblico locale Tua,  attore decisivo di questo intervento.

Il Viceministro Ascani ha confermato che le linee guida saranno pronte in settimana e che questo metodo di confronto continuerà per arrivare a settembre ed assicurare la riapertura delle scuole nella migliore funzionalità possibile.

Read Previous

Teramo, il Comune chiede alla Regione interventi risolutivi per il trasporto locale

Read Next

Giulianova, riconsegna del termoscanner in dotazione al presidio sanitario della stazione di Giulianova