Maltempo, altri 208 mln dal Governo per le Regioni colpite: all’Abruzzo ne vanno circa due

ROMA – “Via libera oggi dal cdm a ulteriori 208 milioni di euro per le 12 regioni colpite dal maltempo a novembre: Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia-Romagna, Friuli-Venezia Giulia, Liguria, Marche, Piemonte, Puglia, Toscana e Veneto. Dal Governo sempre massima attenzione”. Lo scrive su Twitter il premier Giuseppe Conte – ANSA –

Aggiornamento: Il Consiglio dei ministri, facendo seguito alle deliberazioni del 14 novembre e del 2 dicembre 2019, su proposta del Presidente Giuseppe Conte, ha deliberato un ulteriore stanziamento di 208.732.103,47 euro (la delibera del 2 dicembre scorso aveva già previsto un primo stanziamento di 100 milioni di euro), in favore dei comuni e territori delle regioni Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Liguria, Marche, Piemonte, Puglia, Toscana e Veneto interessati dagli eccezionali eventi meteorologici che si sono verificati nel mese di novembre 2019, per il completamento delle attività di organizzazione ed effettuazione degli interventi di soccorso e assistenza alla popolazione, il ripristino della funzionalità dei servizi pubblici e delle infrastrutture di reti strategiche, l’attività di gestione dei rifiuti, delle macerie, del materiale vegetale o alluvionale o delle terre e rocce da scavo prodotti dagli eventi e per misure volte a garantire la continuità amministrativa. Lo rende noto il comunicato del Cdm. Lo stanziamento sarà così ripartito:
– Abruzzo 1.866.120,20 euro
– Basilicata 839.556,04 euro
– Calabria 576.031,14 euro
– Campania 5.635.376,38 euro
– Emilia Romagna 47.110.988,59 euro
– Friuli Venezia Giulia 1.152.371,50 euro
– Liguria 77.062.212,02 euro
– Marche 1.469.139,85 euro
– Piemonte 23.944.455,68 euro
– Puglia 701.484,17 euro
– Toscana 8.190.836,59 euro
– Veneto 40.183.531,31 euro – ANSA –

Read Previous

Terremoto, prorogati al 2020 i termini di scadenza dei siti di deposito delle macerie

Read Next

Di Timoteo pronta a guardarsi in giro è contro allargamento: Sindaco, è un atto di cortesia?