Gran Sasso, la Lega istituisce una task force per le criticità

L’AQUILA – La Lega Abruzzo istituisce una task force per affrontare le criticità connesse allo sviluppo del Gran Sasso aquilano. Lo comunica il coordinatore regionale, il deputato Luigi D’Eramo, a seguito di un sopralluogo nell’area.
“Ho incontrato gli operatori – dice D’Eramo – e con loro ho avuto un confronto franco e aperto sulla situazione di grave difficoltà che sta vivendo il Gran Sasso. Siamo arrivati a un punto di non ritorno, questa è l’ultima occasione per evitare la morte di un bene preziosissimo per la città, una delle poche occasioni di crescita e sviluppo. E’ inammissibile assistere inermi all’agonia della nostra montagna. La Lega non permetterà che questo stato di cose si protragga ancora e, anzi, interverrà subito attraverso l’istituzione di un tavolo tecnico che dovrà ripartire dai punti cardine già evidenziati dall’associazione “Progetto Montagna” ed il gruppo di opinione “SaveGranSasso” che sono stati assunti come impegni programmatici all’epoca delle elezioni comunali. Per primi giorni di febbraio inviteremo in città il presidente dell’ottava commissione della Camera, Ambiente, Territorio e Lavori pubblici, Alessandro Benvenuto, l’europarlamentare Massimo Casanova e l’ex sottosegretario all’Ambiente Vannia Gava. La task force della Lega servirà ad imprimere una accelerazione concreta sul tema, a partire dal processo di verifica e rimodulazione delle zone sottoposte a vincolo, Sic e Zps. Vogliamo portare all’attenzione di opinione pubblica e istituzioni anche l’operato del Parco nazionale del Gran Sasso che resta ambiguo e che spesso e volentieri appare più indirizzato a ostruire lo sviluppo turistico dell’area, nodale per il turismo dell’Aquila e del suo circondario. Solleciterò il gruppo regionale del partito, consiglieri e assessori, affinché questo tema diventi una priorità assoluta nelle prossime settimane. Vogliamo dare risposte chiare e concrete e le daremo”.

 

Read Previous

Barriere A14, cittadini bloccano Ss16: poi la protesta rientra ma sarà battaglia legale

Read Next

Regione Abruzzo, al via il tavolo tecnico per la gestione delle acque di balneazione