Incontri d’Autore, a Giulianova terzo appuntamento con Maura Chiulli

GIULIANOVA – Continua con successo e partecipazione di pubblico la Rassegna “Incontri d’Autore”, che ha già ospitato a Giulianova gli scrittori Michele Caccamo, Grazia Di Michele, Francesco Paolo Oreste e Francesca Gerla. Venerdì 20 dicembre, alle ore 21, in Sala Buozzi, si terrà il terzo ed ultimo incontro di un ricco calendario dedicato alla letteratura, promosso dall’Associazione Culturale Forum Artis in collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Giulianova, e curato dalla giornalista Alessandra Angelucci.
Venerdì 20 dicembre, sarà ospite Maura Chiulli, originaria di Pescara, scrittrice e mangiafuoco, con il vivo interesse per la body art e l’arte performativa.
Nel suo libro “Nel nostro fuoco” (Hacca), l’autrice consegna al lettore la storia di Tommaso, un uomo che ha un’idea precisa di vita: si sveglia sempre alla stessa ora, compie gesti ordinati, puliti. Ma arriva improvviso l’amore per una donna drago, che di notte si esibisce per strada, sputando fuoco dalle labbra. Un rapporto, quello con Elena, che a poco a poco gli insegnerà una lingua nuova, in grado di nominare – per la prima volta – un’emotività dolce e generosa. È così che arriva un inciampo, un guasto. Una figlia, Nina, che tradisce ogni loro aspettativa, che non cresce come gli altri bambini, che non parla, che pare assemblata coi pezzi peggiori del padre e della madre. “Nel nostro fuoco” è la storia di un’incapacità di accudire, ma è anche la storia di una salvezza, dell’amore che ci mette al riparo. Il romanzo di Maura Chiulli è uno dei libri più letti, è stato presentato da Barbara Alberti a “Più libri più liberi”, in selezione al Premio Campiello 2019, gode della menzione speciale al Premio Grotte della Gurfa.
A dialogare con l’autrice sarà la curatrice della rassegna Alessandra Angelucci. L’incontro sarà accompagnato dalle letture di Cristina Mosca. Ingresso libero.

Read Previous

Abruzzo-Unione Europea: nuova sfida su fondi 2021-2027. Marsilio: Regione ha speso tutto

Read Next

Poggio Morello dimenticata? Per le luminarie dell’albero ci pensa la minoranza