FOTO e VIDEO | Natale Teramano tutto nuovo, a partire dalle luminarie (anche dedicate a Ivan Graziani). Costerà 300.000 euro ma sarà il più ricco di sempre

TERAMO – Presentato stamane nella Sala Ipogea il prossimo Natale Teramano. Una seconda edizione all’insegna del Consorzio Ri-Nascita, la “sacra alleanza” tra Comune, Provincia, commercianti del centro storico (Consorzio Shopping in Teramo Centro) e Camera di Commercio, che hanno stipulato il protocollo d’intesa. A questo si aggiungano le sponsorizzazioni, in primis della Fondazione Tercas, ma non soltanto. L’impegno di spesa si aggirerebbe sui 300.000 euro, dato confermato dall’Assessore Antonio Filipponi nell’intervista che seguirà. Stamane, però, sono state illustrate le tante novità di questa edizione, che partirà in anticipo, dal 30 Novembre per la parte dell’allestimento e delle luminarie. Confermate le piazze dello scorso anno e l’allestimento del Viale Incantanto lungo i Tigli: Piazza Martiri ospiterà il Mercatino di Natale (dal 30 novembre fino al 28 dicembre) con i prodotti tipici ed artigianali. L’importante novità è data dalle luminarie, attive dall’otto Dicembre. Saranno diverse ed illumineranno non soltanto il centro storico, grazie alla collaborazione dei commercianti: coinvolte Teramo Stazione, Viale Crucioli, Via Savini e si sta lavorando anche su Viale Bovio: in Via Capuani saranno ospitate le luminarie di Ivan Graziani.

Capitolo Eventi. L’Assessore non ha annunciato nulla: devono uscire i bandi di Abruzzo dal Vivo e Grandi Eventi, però Filipponi annuncia diverse iniziative anche di tipo culturale con la collaborazione dell’Assessoratodi Andrea Core. Sarà il Natale con in più ricco cartellone di eventi di sempre e con una qualità altissima.

Capitolo Spese. Non ci si sbilancia ma viene confermata una cifra che si avvicina ai 300.000 euro: il Comune ne ha stanziati 71.000 in variazione di bilancio.

Read Previous

Torre del Cerrano, domenica alla scoperta dell’ambiente della Cooperativa Clematis

Read Next

Teramo, Rifondazione Comunista contro il Comune: negate Piazza Martiri e Corso San Giorgio