Sant’Omero, l’ex Chiesa Marchesale e quella antica campana: l’opposizione prova a spronare l’amministrazione Luzii

SANT’OMERO – Sul punto più alto del centro storico di Sant’Omero si erge tra le case, la trecentesca Chiesa Marchesale, che a causa del terremoto è stata dichiarata inagibile, ad oggi ancora transennata a seguito dei lavori di messa in sicurezza.
Il Comune in quell’occasione fu costretto a far rimuovere per motivi di sicurezza l’antica campana dalla struttura, che venne depositata presso la ditta di un fabbro di Sant’Omero.
L’amministrazione Luzii 1 sembra volesse far installare l’antica campana nel belvedere di fronte al Municipio ed aveva incaricato il fabbro della costruzione di una struttura idonea a sorreggere la stessa.
Presentato il preventivo però, sembra che il progetto sia stato accantonato, visto che ad oggi della campana non vi è traccia sul belvedere ma che la stessa sia rimasta in deposito presso la ditta ormai chiusa. Sembrerebbe che il fabbro si fosse reso disponibile in un secondo momento a costruire comunque la struttura gratuitamente pur di rimuoverla dal proprio deposito e restituirla così alla fruizione della comunità di Sant’Omero ma oggi non sappiamo se tale via sia più percorribile visto che ha chiuso l’attività.
Ovviamente la causa di ciò non può essere imputata all’attuale amministrazione Luzii 2 ma come consuetudine alla precedente, in questo caso Luzii 1.
Vorremmo poi suggerire di prendere in considerazione l’apposizione della campana nelle vicinanze della Chiesa Marchesale nel nostro centro storico, per non cancellare i luoghi della memoria.
Ci auguriamo comunque che il progetto venga rivalutato e portato a compimento, perché i simboli della storia del nostro paese non restino dimenticati sotto la polvere.
Il gruppo consiliare Sant’Omero Futura

Read Previous

Alba Adriatica, 60enne depresso minaccia di uccidersi con un coltello: salvato dai Carabinieri

Read Next

Bim, il commercialista giuliese Federico Iachini nuovo Revisore dei Conti