Roseto, party alcolico in spiaggia in barba al coronavirus: arrivano i carabinieri e finisce in rissa. 5 giovani denunciati, uno in Ospedale

GIULIANOVA – Tra ieri e oggi i Carabinieri della Compagnia di Giulianova hanno denunciato 30 persone che circolavano in spregio delle ultime disposizioni in tema di prevenzione alla diffusione del coronavirus.

In particolare le violazioni sono state commesse nei Comuni di Atri, Notaresco, Silvi, Pineto, Giulianova e Cellino Attanasio.

Eclatante il fatto avvenuto a Roseto degli Abruzzi, dove cinque giovani del luogo si sono dati appuntamento su una spiaggia per consumare bevande alcoliche, contravvenendo così al divieto di assembramenti.

In seguito al controllo dei militari dell’Arma i cinque sono stati denunciati all’autorità giudiziaria per la violazione di cui all’art. 650 del Codice penale.

Quando i Carabinieri sono andati via dopo aver invitato i giovani a rientrare a casa, due di essi, brandendo una catena, si sono avventati contro un altro giovane del luogo, che secondo loro era stato colui che aveva avvertito i Carabinieri stessi.

Ne è scaturita una rissa dove uno degli aggressori ha riportato serie lesioni, impegnando poi i medici del pronto soccorso che, evidentemente, dovevano dedicarsi a tutt’altro con l’emergenza in atto.

Read Previous

Coronavirus, Rifondazione: la sicurezza dei lavoratori si ferma dinanzi ai cancelli delle fabbriche

Read Next

Coronavirus, sale a 1.809 il numero delle vittime (368 oggi): sono oltre 20.000 i malati