Torna la festa di Sant’Antonio Abate di Teramo Nostra con la benedizione degli animali

TERAMO – Come ogni anno l’Associazione culturale Teramo Nostra, nel giorno di Sant’Antonio Abate, organizza a Teramo la giornata dedicata alla benedizione degli animali, al fine di
portare avanti una tradizione che legava soprattutto il mondo contadino e rurale al culto del santo, riconosciuto come vero e proprio protettore degli animali. Nelle stalle del nostro
territorio, infatti, campeggiava sempre un quadretto con l’immagine di Sant’Antonio Abate con il maiale ai suoi piedi.

Anche quest’anno l’associazione presieduta da Piero Chiarini organizza la ricorrenza che vivrà di due momenti: alle ore 11:00 di venerdì prossimo, 17 gennaio, ci sarà prima la messa, presso la chiesa di Sant’Antonio di Padova, celebrata dal Canonico aprutino don Martino Valeri, accompagnato dal Coro della Cattedrale diretto dal maestro Croce Giuliani; poi, alle 11:50 in piazza San Francesco, davanti a Porta Melatina, in prossimità della chiesa di Sant’Antonio Abate, si terrà la tradizionale benedizione degli animali, alla quale parteciperanno anche i rappresentanti della Facoltà di Veterinaria dell’Università di Teramo e dell’Istituto Zooprofilattico.

Anche questi ultimi, come i tanti cittadini che ogni anno arrivano con i propri animali da compagnia, porteranno i loro animali. Il coro del Gruppo Alpini della provincia di Teramo proporrà per l’occasione i canti tradizionali della questua della festa di Sant’Antonio Abate. La benedizione si svolge davanti a Porta Melatina perché, come dicevamo prima, proprio sotto l’arco della porta di accesso al centro storico di Teramo c’è l’ingresso alla piccola chiesa di Sant’Antonio Abate, purtroppo inutilizzabile per i danni riportati a seguito dei terremoti.

Foto in copertina: scatto della manifestazione 2019

Read Previous

Paolucci su nuovi ospedali: “Governo Regionale inadeguato. Così la maggioranza ha scelto di rimandare tutto alla prossima legislatura.”

Read Next

Fondazione Tercas, la mostra di Annunziata Scipione chiude domenica 19 gennaio: oltre 2.500 i visitatori