Tortoreto, cittadini senza speranza: 26enne guineano ancora in azione, questa volta in un garage dove prova a rubare auto

TORTORETO – Continuerebbe ad introdursi nelle abitazioni di Tortoreto il guineano di 26 anni che dalla scorsa estate è protagonista di una storia assurda (Tortoreto terrorizzata, extracomunitario continua ad introdursi nelle case: cittadini esasperati si appellano al Prefetto ). L’ultima segnalazione arriva dagli stessi abitanti del quartiere di Tortoreto, dove il ragazzo è solito aggirarsi. Questa notte si sarebbe introdotto all’interno di un garage del condominio Prestige e avrebbe provato a rubare un’autovettura. “I Carabinieri lo hanno colto in flagranza di reato e portato in Caserma – ci racconta uno dei residenti Federico Di Lorenzo .  Questa mattina, date le sue condizioni di salute, è stato rilasciato”.

Quella raccontata è una vicenda che sta assumendo toni kafkiani. Dallo scorso inverno il guineano gira per Tortoreto, è senza fissa dimora ed è una mina vagante. Dalla scorsa estate è stato beccato ad intrufolarsi nelle abitazioni e, in talune circostanze, a tentare di rubare autovetture.

Tante le denunce presentate ai Carabinieri della locale stazione, che lo hanno anche bloccato e arrestato in talune situazioni ma, viste le sue condizioni di salute, viene puntualmente rilasciato.

Da mesi si attende il suo ricovero coatto nel Rems (residenza per l’esecuzione delle misure di sicurezza) di Barete (AQ), ma in attesa si liberi un posto nella struttura, il ragazzo continua a girare e ad intrufolarsi nelle abitazioni.

Tra i residenti c’è chi è terrorizzato, per questi suoi furtivi ingressi, ma anche chi prova pena e una sorta di empatia per questo giovane uomo con riconosciuti disturbi di salute, comunque senza una casa, e nessuno che attualmente riesce a trovare una soluzione o ad attivarsi per aiutarlo.

 

 

Read Previous

Martinsicuro, tutto pronto alla Torre Carlo V che dal 20 al 22 dicembre ospiterà il “Villaggio di Babbo Natale”

Read Next

Bisenti: Sold out per il libro sulle origini di Ponzio Pilato alla Camera dei deputati