ATRI – “Circola insistentemente la voce secondo la quale si prospetterebbe l’ipotesi che l’ospedale di Atri venga nuovamente destinato a Presidio Covid. Speriamo non sia vero ma, è proprio il caso di dire, prevenire è meglio che curare. Questa prospettiva è assolutamente inaccettabile. Abbiamo già dato sotto ogni aspetto”. Così, in una nota, il Consigliere comunale di Abruzzo Civico Paolo Basilico che spiega: “Il San Liberatore, specie per quanto riguarda tutte le discipline chirurgiche e non solo, è ripartito alla grande e la possibilità di un nuovo grave pregiudizio a questa sua funzionalità deve essere assolutamente scongiurato”.

“Questa volta chi deve decidere guardi ai numeri delle prestazioni e dei servizi senza irragionevoli imposizioni – conclude Basilico – Si muova subito il Sindaco di Atri e non ci venga ancora a dire, nell’ipotesi da scongiurare, che tutto è passato di nuovo sulla sua testa perché sarebbe imperdonabile”.