Silvi, violenze e avvelenamenti cani e gatti: il Sindaco invita a sporgere denuncia

SILVI –  Alcuni cittadini hanno riferito sui social che c’è in giro per Silvi, in particole nelle contrade, una sorta di serial killer dei nostri amici a quattro zampe. Qualche giorno fa è stato ritrovato un gatto impallinato e, più di recente, la stessa sorte sembra sia toccata a un cane. ”Ho appreso di questi bruttissimi fatti – ha detto il sindaco – per caso e mi sto attivando per cercare di bloccare questo triste fenomeno che definire incivile è davvero un eufemismo. Devo, però, lamentare che nessuno ha mai sporto denuncia contro ignoti, né ha fatto presente al Comando della Polizia Locale o alla locale stazione dei Carabinieri il succedersi di questi odiosi atti di pura crudeltà. Questa, come tutte le altre lotte, – ha sottolineato il sindaco Scordella – è una battaglia che va combattuta insieme tra cittadini e istituzioni, se si vogliono ottenere concreti risultati. Per questa ragione sollecito i cittadini a non limitarsi, in questi e in altri casi di atti non conformi alla legge, a una semplice lamentela su FaceBook ma di sporgere denuncia fornendo indicazioni per l’individuazione dei colpevoli”. “L’impegno dell’amministrazione per la tutela degli animali di compagnia – ha dichiarato il vice sindaco Fabrizio Valloscura – è cosa nota. La sistemazione del canile comunale e, per l’estate, la istituzione della Bau-Beach ne sono la chiara dimostrazione. Sentire che nella nostra città ci sono persone che usano ancora bocconi avvelenati o sfogano i loro istinti sparando a cani e gatti ci indigna profondamente. Ci daremo da fare – ha chiosato l’assessore Valloscura – con ogni mezzo possibile e con la collaborazione fattiva dei cittadini per bloccare questo fenomeno i cui autori forse non sanno che rischiano seri provvedimenti anche penali, previsti dalla nuova normativa in materia”.

Read Previous

FOTO | Roseto, giovedì l’evento “Dall’ulivo millenario all’elmo ostrogoto della Riserva Borsacchio”

Read Next

Avis Nereto lancia appello alla ricerca dei soci fondatori e primi donatori per celebrare i 40 anni dalla fondazione