Teramo, Giudice ordina alla Asl di erogare Terapia ABA ad un bambino autistico

TERAMO – Ancora una volta il tribunale di Teramo con il pronunciamento del Giudice Giuseppe Marcheggiani ha affermato il diritto alle cure per persone con autismo. Tra le motivazioni difensive della ASL: l’assenza sul territorio di alcuna struttura autorizzata/accreditata che erogasse il tipo di prestazione richiesta (Terapia A.B.A.).

Ancora una volta il Tribunale di Teramo ha accolto il nostro ricorso a tutela del diritto, di un bambino con autismo, alle cure e alle attività riabilitative previste dalla Legge 134/2015 e sancite dai nuovi LEA come un diritto ineludibile.
“accoglie il ricorso e, per l’effetto, ordina alla Azienda Unità Sanitaria Locale di Teramo di erogare gratuitamente a X.Y., sino all’esito del giudizio di merito, ​la terapia riabilitativa con metodo A.B.A​., da effettuarsi a cura del Centro Regionale di

Riferimento per l’Autismo di L’Aquila, prioritariamente presso il domicilio del minore (secondo il programma riabilitativo stabilito e predisposto dal suddetto Centro), ​con onere di spesa a carico del Servizio Sanitario Nazionale e con decorrenza immediata​;
condanna la Azienda Unità Sanitaria Locale di Teramo​, in persona del legale rappresentante pro tempore, ​a rifondere ai ricorrenti le spese del giudizio, che liquida in complessivi €.1.200,00, oltre spese generali nella misura del 15% dell’importo dei predetti compensi difensivi, I.V.A. e C.A.P​.​”

Il Giudice Giuseppe Marcheggiani, nella sua ordinanza, ripercorre in modo dettagliato la normativa di riferimento e richiama, ancora una volta, la valenza della prescrizione emessa dall’UVM e gli obblighi conseguenti circa l’erogazione dei servizi. Spesso le famiglie, al momento della consegna del verbale di prescrizione che autorizza le attività riabilitative, non ricevono indicazioni adeguate e finiscono nel vagare tra le varie strutture nella speranza di trovare “posto”.
Non è l’utente che deve conquistare l’accesso alle strutture, piuttosto è la ASL a dover verificare l’avvio delle prestazioni. Questo è ciò che indica la norma vigente e che il Giudice sottolinea con chiarezza.
“Si richiama, in proposito, il contenuto dei rilievi svolti in una precedente ordinanza resa da questo Ufficio, riferita a caso analogo, a dimostrazione della natura vincolante per la ASL dell’autorizzazione: ​“E’ evidente che tale obbligo (l’utilizzo del termine “tenuto” non può che interpretarsi come obbligo cogente e non certo come atto discrezionale e meramente eventuale) n​ on è fine a se stesso, ma è volto ad una verifica puntuale degli esiti della valutazione UVM, accertando quali casi siano stati effettivamente presi in carico nel termine di 30 giorni dalla data dell’autorizzazione UVM e quali siano i motivi che non hanno consentito la fruizione del trattamento, verifica che, poi, deve necessariamente condurre all’adozione delle opportune iniziative per ovviare ad eventuali situazioni di stallo, che possono determinare la mancata presa in carico, per qualsivoglia motivo. Diversamente opinando, non si comprenderebbe la ratio di una siffatta disposizione, che,
non solo, pone un obbligo di monitoraggio a carico della ASL, ma le impone anche di accertare quali siano i motivi, previo contatto con l’interessato, accertamento che non può non preludere all’adozione di opportuni interventi sulle ragioni alla base della omessa presa in carico” (cfr. Trib. Teramo, ord.10.12.2018).”
Tale verbale UVM è allo stesso tempo anche strumento di programmazione che dovrebbe giungere negli uffici regionali ed evidenziare la carenza dei servizi territoriali per una attività riabilitativa dovuta, tutelata dalla Legge e per la quale solo il Tribunale di Teramo si è espresso ormai tante volte. Dovrebbe pertanto evidenziare la carenza dei servizi alla regione, chiamata ad assicurarli sull’intero territorio.
Autismo Abruzzo onlus è gratuitamente al fianco delle famiglie che chiedono assistenza al fine di garantire l’accesso alle prestazioni riconosciute per legge. Lo facciamo con il pregevole aiuto di tutti i nostri volontari e alle competenze specifiche dell’avvocato Gianni Legnini che cura tutte le nostre azioni legali.

Read Previous

“Il futuro è partecipato”, Regione e sindaci abruzzesi a confronto su nuova programmazione europea

Read Next

Il Camper della Polizia contro la violenza sulle donne ha fatto tappa in Atri