Ruzzo, il Sindaco di Penna Sant’Andrea a gamba tesa su D’Alberto: è contro metodo politico poi fa riunione con Segretario regionale PD

PENNA SANT’ANDREA“Desidero unirmi ai tanti colleghi, che da Giulianova a Cortino, da Nereto a Torricella fino a Campli e Corropoli – e mi perdoneranno coloro che non cito perché avrei potuto non leggere gli articoli – hanno espresso apprezzamento per il lavoro del Consiglio di Amministrazione del Ruzzo”. A dirlo è il sindaco di Penna Sant’Andrea Severino Serrani.

“Senza voler ripercorrere le argomentazioni puntualmente già espresse, mi trovo anch’io a dover constatare, con dispiacere, che il Comune di Teramo pare essersi arroccato in una posizione oltranzista e di pregiudizio, che non sembra basarsi sui fatti ma solo su questioni politiche. Ed infatti mi risulta – ma mi piacerebbe essere smentito – che il Sindaco di Teramo giovedì prossimo terra’ una riunione con il segretario regionale del Pd e con altri esponenti dello stesso partito, proprio sul tema del Ruzzo.”, dichiara il primo cittadino di Penna Sant’Andrea.

“A me questo parrebbe pure legittimo, se non fosse che da oltre un anno si sente il Sindaco D’Alberto inveire contro la politica che a suo dire mal governerebbe il Ruzzo. Ed invece, fuori da ogni ipocrisia, mi permetto di rivendicare il ruolo dei Sindaci, che sono i soci del Ruzzo, che determinano in Assemblea le linee guida dell’azienda, e che non consentiranno ad alcun partito politico, men che meno al Pd, di interrompere un processo di cambiamento e di risanamento brillantemente intrapreso.”, evidenzia il sindaco.

“Confido invece sul fatto che tanti colleghi, come hanno fatto già in passato, dismettano la casacca di partito e si autodeterminino in piena libertà, senza condizionamenti, e rendano manifesto ed evidente ciò che in privato tutti asseriscono: e’ giusto dare fiducia al Presidente Cognitti e al Vice Presidente Grotta visto il lavoro svolto.”, continua il promo cittadino di Penna Sant’Andrea.

“E sarebbe anche bello smetterla con questo teatrino dell’assurdo che ha come obiettivo solo l’occupazione di ruoli, magari riportando le lancette del Ruzzo indietro di qualche lustro. No, questo davvero i Sindaci soci non possono consentirlo e non lo consentiranno.”, conclude Serrani.

Read Previous

Scontrini elettronici, FedAgriPesca Paola D’Angelo: quale futuro per gli operatori di piccola pesca?

Read Next

FOTO e VIDEO | Camera di Commercio, Teramo ribadisce il no alla fusione: Lanciotti ricorre contro Regione Abruzzo