ROSETO – Fare squadra,  proponendo un modello turistico innovativo, green ed esperienziale inclusivo ed efficiente. Accrescendo la qualità della formazione delle figure professionali impegnate, per utilizzare quella grande risorsa umana che le nuove generazioni rappresentano: un obiettivo cui possono lavorare, ciascuno nelle proprie specifiche competenze, il mondo delle imprese, la scuola e gli enti locali, realizzando politiche attive per l’inclusione dei giovani nei luoghi di lavoro. Il punto sulle prospettive del settore turistico regionale, con particolare riferimento al suo punto di forza, ovvero l’offerta costiera, e sulla possibilità di includere le nuove generazioni nell’attività delle tante strutture  che concorrono a dare forza alla filiera turistica, è stato al centro del meeting tenuto stamattina al Palazzo del Mare di Roseto degli Abruzzi. Organizzato da Cna Turismo Abruzzo e Cna provinciale, in collaborazione con la Consulta giovanile del Comune (che ha patrocinato l’incontro), l’appuntamento ha visto la partecipazione degli studenti dell’indirizzo turistico dell’Istituto Superiore Statale “Vincenzo Moretti” di Roseto.
Dopo i saluti del direttore provinciale della CNA, Gloriano Lanciotti, del sindaco Mario Nugnes e del consigliere delegato per le politiche giovanili del Comune di Roseto degli Abruzzi, Christian Gabriele Aceto, è toccato al presidente di CNA Turismo Abruzzo, Claudio Di Dionisio, indicare nel suo intervento introduttivo alcuni dei punti qualificanti per un possibile approccio tra le nuove generazioni e il settore turistico: “Dovete sentirvi protagonisti del vostro futuro – ha detto tra l’altro – ma per questo dovete mettervi in gioco, scoprire nuove esperienze, dare spazio alla vostra ambizione. Non dovete avere paura di sbagliare”.
Nel successivo confronto a più voci, coordinato dal responsabile regionale di CNA Turismo Abruzzo, Gabriele Marchese, sono state messe a fuoco le diverse problematiche riguardanti il settore, con le occasioni di inserimento dei giovani nel mercato del turismo stagionale, ma anche con le opportunità offerte ale imprese, cui si offre la possibilità di avvalersi di figure professionali qualificate e dinamiche, con una profonda conoscenza delle tecnologie digitali, nei diversi comparti che compongono la filiera. Nei loro interventi, il coordinatore del Tavolo per le politiche giovanili del Comune, Mattia Narcisi, l’assessore comunale al Turismo, Lorena Mastrilli e il rappresentante dell’Associazione Maitres Italiani Ristoranti-Breakfast, Alvaro Fantini, hanno fatto il punto sulle diverse opportunità che alle nuove generazioni offre il settore, sottolineando soprattutto gli aspetti legati alla formazione ma anche alla possibilità di creare strumenti di incrocio tra domanda e offerta di lavoro, attraverso l’organizzazione di tirocini e momenti formativi.
Spazio, infine, con gli interventi di Gabriella Corona (Ecipa Abruzzo) e Lea Lelii (Uni.Co.) anche alle offerte legate alla formazione professionale e al finanziamento delle imprese attraverso il credito erogato con i confidi. Nelle sue conclusioni, il direttore regionale di CNA Abruzzo, Graziano Di Costanzo ha sottolineato la necessità di accrescere gli strumenti per la promozione turistica del nostro territorio, che ancora manifesta alcune debolezze e criticità in Abruzzo (come la Film Commission), ma anche il ruolo attivo che possono esercitare nuovi organismi formativi come gli Istituti tecnici superiori.