TERAMO – “Cambia la località, ma il panorama tristissimo continua purtroppo a balzare agli onori della cronaca con preoccupante ciclicità. Una situazione di feroce disagio, di degrado sociale e di pericolo enorme. Anche qui, ancora una volta, le tracce inequivocabili di una piaga sempre più allarmante. Nella zona di contrada Casalena, dove insistono edifici e terreni abbandonati della Asl, adiacenti a strutture e servizi sanitari essenziali, vi sono tracce e rifiuti ingenti che attestano la quotidiana frequentazione e utilizzazione di molti tossicodipendenti, i quali trovano quei luoghi confacenti a rifugiarvisi per consumare eroina e altre sostanze stupefacenti”. La denuncia è del Consigliere comunale della Lega Ivan Verzilli.
“Una simile situazione di degrado non è tollerabile, innanzitutto a tutela dei malcapitati che con ogni evidenza necessitano di aiuti urgenti da parte delle istituzioni – scrive il Consigliere – È certamente necessaria una bonifica dell’area interessata e un costante controllo delle forze dell’ordine, congiuntamente alla sempre attenta direzione Asl, al fine di rendere finalmente inaccessibile l’area e di individuare i frequentatori, così da poter approntare le opportune misure di ausilio, sia sociali che sanitarie. Auspico anche un celere intervento del sindaco D’Alberto, affinché istituisca un tavolo sulla sicurezza permanente ed esecutivo”.