Parrucche per pazienti oncologici, Blasioli e Scoccia: “Regione non ha ancora approvato regolamento”

L’AQUILA – Il 14 dicembre 2021 il Consiglio Regionale ha approvato la legge riguardante i contributi economici per l’acquisto di parrucche di pazienti oncologici, per la dermopigmentazione e trucco permanente delle sopracciglia, area infraciliare e cuoio capelluto, per l’acquisto di caschetti refrigeranti da parte delle Asl e per l’istituzione del progetto ‘Banca del Capello’, “una Legge che ha restituito a tutti gli abruzzesi, che ogni giorno sono costretti ad affrontare il calvario della malattia, dignità e rispetto – affermano i Consiglieri regionali Marianna Scoccia e Antonio Blasioli -. Tuttavia, allo stato attuale, la Giunta regionale di centrodestra non ha ancora approvato il regolamento attuativo, quindi la legge, di fatto, non può essere applicata e i malati non possono usufruire dei contributi previsti dalla legge. Tutto è ancora imbrigliato nelle maglie della burocrazia regionale e non abbiamo informazioni su quando arriverà il via libera definitivo”.

“Invece di impiegare il proprio tempo con la comunicazione propagandistica, la Giunta regionale pensi ad assolvere i propri compiti e a rendere effettiva una legge fondamentale per gli Abruzzesi approvata da più di 150 giorni: i pazienti oncologici hanno diritto a un supporto economico e a un aiuto concreto. Abbiamo approntato 500.000 euro per ciascuna annualità del biennio 2022-23 e il centro destra non ha scuse per continuare a ritardare l’approvazione delle delibere necessarie a stabilire le modalità di attivazione dei servizi previsti dalla Legge. È un loro preciso dovere assolvere ai  compiti istituzionali e morali fino in fondo e, finché non avranno pubblicato il regolamento attuativo, noi non abbasseremo l’attenzione sul tema”, concludono i Consiglieri di opposizione.

Read Previous

FOTO | Teramo, vandalismo alla Casa dello Sport. Verzilli: “la Regione garantisca sicurezza e argini il degrado”

Read Next

Roseto, sentenza TAR su tassa di soggiorno. Amministrazione: “non bocciatura, ma vizio di forma che siamo pronti a superare”