RIMINI-TERAMO NON È UNA GARA QUALUNQUE

A Rimini per riscattare la non prestazione di Salò.

A Rimini con un modulo diverso, senza dimenticare mai che la partita del Romeo Neri non è uguale a tante altre: per la tifoseria biancorossa vale molto di più.

E’ bene che lo sappiano i calciatori del Teramo, tutti: da quello stadio sarà necessario uscire dopo aver espulso anche l’ultima goccia di sudore dal corpo di ognuno, “panchinari” inclusi.

In chiave tattica le analisi andranno sviluppate successivamente, quando si sarà preso atto del fatto che la squadra di Giovanni Zichella, al termine, non avrà avuto da recriminare.

Questo dovrà essere l’atteggiamento del Teramo nell’anticipo della sesta giornata di andata del campionato di Serie C/B, in una partita nella quale, probabilmente, si vedrà la squadra ospite schierata tatticamente in maniera diversa, magari meno offensiva e più equilibrata.

Le indicazioni sono emerse a consuntivo di una settimana nella quale, da quest’ottica, si è lavorato in maniera diversa, come i più ritengono debba essere e come lo stesso allenatore, bravo ed intelligente nel confrontarsi con i suoi referenti dello staff e societari, ha inteso “ascoltare”.

Non che sia venuto meno al suo credo calcistico, nel rispetto del quale è stata allestita la rosa di questa stagione, anzi, ma che abbia dimostrato d’aprirsi a soluzione nuova, questo sì.

Ed è un bel segnale.

Read Previous

SICUREZZA A24-A25, LOLLI: “GOVERNO NON AUTORIZZATO ALL’UTILIZZO DEI FONDI MASTERPLAN”

Read Next

GIULIANOVA, ARTICOLO 1 DENUNCIA “L’AMNESIA DISSOCIATIVA DI GABRIELE FILIPPONI E DEL PD”