Gran Sasso, Ministero ora convoca Strada dei Parchi ma sapeva da aprile della chiusura

Il Mit ha convocato per martedì un  incontro con Strada dei Parchi per affrontare il nodo della  chiusura del traforo del Gran Sasso, che la società vorrebbe  fare scattare dal prossimo 19 maggio. L’incontro dovrebbe  servire a evitare la chiusura che, secondo quanto ribadiscono  dal Mit, rappresenterebbe una “procurata interruzione di  pubblico servizio che equivarrebbe a un inadempimento” grave da  parte della società, concessionaria delle autostrada A24 e A25,  che potrebbe portare alla “revoca immediata della concessione”,  evocata ieri dal sottosegretario M5S Gianluca Vacca.

Eppure spunta un carteggio in cui si apprende che  il Mit sapeva della chiusura già da aprile. Strada dei Parchi ha, infatti, scritto il  5 aprile annunciando la decisione di chiudere il Traforo del  Gran Sasso e il Mit ha risposto il 10 aprile. Nella risposta,  spiegano fonti della società, non emergerebbero obiezioni. In  più non spetterebbero a Sdp gli interventi sul sistema idrico  del Gran Sasso perché, con in un documento sempre il Mit precisa  che questi non sono “contemplati” nell’attuale convenzione per  la concessione. La chiusura è stata spostata poi al 19 maggio  visto che il 20 aprile si era nel pieno delle festività  pasquali.

Il 5 aprile scorso, quindi,  Strada dei Parchi, che gestisce le autostrade A24 e A25, informa  con una lunga nota inviata al ministero per le Infrastrutture, al ministero dell’Ambiente, alle Prefetture dell’Aquila e di Teramo, alla Regione Abruzzo, all’Anas, alla Polizia stradale,  all’Ispra e all’Istituto nazionale di fisica nucleare del Gran  Sasso, della decisione di chiudere il traforo in entrambe le  direzioni, sul tratto della A24, “al fine di evitare di  incorrere in ulteriori contestazioni correlate a presunti
pericoli di inquinamento delle falde acquifere, come già detto,  oggetto del procedimento penale in corso”. Tutto ciò “in assenza  di precise indicazioni dirimenti sotto ogni profilo regolatorio  e legale da rendere entro 15 giorni dalla ricezione della
presente nota”.  Il MIt, in particolare il Dipartimento per le Infrastrutture,  i Sistemi informativi e statistici, Direzione generale per la  vigilanza delle concessioni autostradali, con una nota del 10  aprile, 5 giorni dopo, alla concessionaria comunica che, in
riferimento alla nota precedente, “ha già riscontrato la  richiesta della Regione Abruzzo, rilevando l’estraneità degli  interventi, richiamati nella delibera regionale, al rapporto  concessorio, in quanto non contemplati nella convezione unica
attualmente vigente. Quanto sopra, peraltro conformemente a  quanto sostenuto da codesta concessionaria nella nota che si
riscontra. Ulteriori indagini ed approfondimenti – si legge  nella risposta del direttore generale, Felice Morisco –
comunque, saranno contemplati dagli organi istituzionalmente  preposti che verranno prontamente interessati dalla questione”.
Il riferimento del Mit è alla delibera della giunta regionale  uscente che, dopo avere convocato le parti e chiesto progetti
per la messa in sicurezza della falda acquifera, aveva indicato  in 172 milioni di euro la somma dell’intervento.
Successivamente, nel pieno delle polemiche e delle  preoccupazioni dei territori per una chiusura che isolerebbe
l’Abruzzo, la Giunta di centrodestra ha chiesto e ottenuto dal  Governo un provvedimento che prevede il Commissario governativo  per seguire progetti e lavori.
La decisione della chiusura parte dalla vicenda giudiziaria  per “presunte interferenze tra i laboratori, le gallerie  autostradali e il sistema di condutture delle acque con  criticità mai sanate e con un rischio permanente per la  salubrità delle acque” delle falde acquifere del massiccio  abruzzese, il più altro dell’Appennino”.

Read Previous

Tortoreto, aspettando il Giro d’Italia con lo spettacolo di Uccio De Santis

Read Next

Presentata la lista Corropoli Viva