TERAMO – Un dirigente medico della asl di Teramo è accusato di truffa ai danni di pazienti. La Procura ha scoperto il reato e denunciato due persone.
Il dirigente della Asl, che oltre alle visite Intramoenia, effettuava prestazioni con tariffe più alte attraverso prenotazioni fatte in un sito web, e il titolare del portale online. I fatti sono stati accertati a seguito di una complessa attività d’indagine coordinata dalla Procura di Teramo ed eseguita dagli uomini del Nucleo di Polizia economico-finanziaria della Guardia di Finanza. Le ipotesi di reato sono abuso d’ufficio, truffa aggravata e falsità ideologica in danno di ignari pazienti che si sottoponevano a visite o esami in regime di intramoenia presso l’ospedale Mazzini di Teramo.

Il medico, seppure autorizzato in regime di intramoenia dalla Asl di appartenenza, è risultato iscritto anche ad un portale web di prenotazioni mediche on line, tramite il quale sarebbero state veicolate anche delle prenotazioni delle prestazioni sanitarie, visite e/o esami specialistici di gastroscopia e colonscopia, poi eseguite presso il reparto dell’ospedale, con un tariffario molto più oneroso rispetto a quello autorizzato dalla stessa Asl e senza passare, come previsto, dal Cup di riferimento, ANCHE durante gli orari di servizio ordinario presso il nosocomio teramano.
Dall’analisi della documentazione acquisita e dai dati contenuti nelle indagini è stato possibile identificare ben 55 soggetti sottoposti a visite specialistiche attraverso il portale web tra il 2015 ed il 2017.