Frode, evasi 16 mln di Iva nel campo petrolifero che in continuità con altre operazioni diventano 150

ROMA – Iva evasa per un ammontare di circa sedici milioni di euro da parte di una società con sede legale fittizia nel Comune di Roma, attiva nel settore dei prodotti petroliferi, è stata scoperta dai funzionari dell’Agenzia Dogane e Monopoli in servizio presso il Reparto antifrode e analisi dei rischi, dopo una lunga indagine svolta insieme all’Ufficio Antifrode della direzione interregionale Lazio e Abruzzo.  La società, riferisce l’Agenzia delle Dogane, mediante l’utilizzo di dichiarazioni d’intento emesse senza avere la necessaria qualifica di “esportatore abituale” ha effettuato operazioni di acquisto senza il pagamento dell’imposta sul valore aggiunto. L’indagine – dei cui esiti è stata informata la procura di Roma – è in continuità con due altre operazioni di verifica già concluse nei confronti di operatori del settore che hanno consentito di accertare una evasione pari a circa 150 milioni di euro. Si tratta di verifiche finalizzate a “contrastare, in modo sempre più efficace, le frodi nel settore dei carburanti e del contrabbando dei prodotti energetici” – ANSA –

Read Previous

Coronavirus, conf. stampa integrale Sindaco D’Alberto: fari puntati su sanità e ospedale. Cavallari e Core su Coc e smart working | VIDEO

Read Next

Coronavirus, Marcozzi replica a Fioretti: presti maggiore attenzione