Roseto, traffico in via Mazzola: invertito il senso unico di marcia

ROSETO DEGLI ABRUZZI – L’assessore alle Manutenzioni Nicola Petrini informa che domattina partono i lavori per ridisegnare la nuova segnaletica di via Mazzola dove l’amministrazione ha disposto con una ordinanza l’inversione del senso unico di marcia.

La modifica della viabilità esistente prevede l’istituzione del senso unico di marcia con direzione sud-nord nel tratto compreso tra l’incrocio della SS150 e l’incrocio di piazza Ungheria. L’istituzione del divieto di fermata lato nord, nel tratto di via Mazzola dall’intersezione di Piazza Ungheria fino alla prima curva. L’istituzione dell’obbligo di arresto (stop) con obbligo di svolta a destra verso nord, in via Iseo e via L. Di Garda per tutti i veicoli provenienti dalla via Nazionale con direzione est-ovest e che si immettono nella circolazione di via Mazzola. “Abbiamo deciso di rivedere la viabilità in quel tratto – spiega Petrini- poiché da una relazione rimessa dai vigili ci si è resi conto che il traffico andava a concentrarsi tutto sulla SS150 congestionando la viabilità. Dunque il provvedimento iniziale di istituire il senso unico, voluto per snellire il traffico nelle ore di punta della scuola calcio al campo Patrizi, ha fatto emergere problemi di viabilità sulla 150. Da qui la decisione di invertire il senso di marcia. Invito nel frattempo il gestore del campo Patrizi a tenere aperto il cancello sul tratto pedonale che si trova tra via Mazzola e il parco Patrizi in modo da poter incoraggiare le mamme a usufruirne quando lasciano i ragazzi alla scuola calcio parcheggiando le vetture nell’area di sosta adiacente al giardino di via Patrizi dove c’è spazio a disposizione per evitare ingorghi. L’ordinanza entrerà in vigore la prossima settimana subito dopo il completamento dei lavori sulla segnaletica.

Read Previous

Martinsicuro, spezza un polso al Carabiniere intervenuto per uno sgombero: arrestato marocchino

Read Next

Giulianova, migliora la bimba ricoverata al Salesi di Ancona per febbre e convulsioni: torna a casa