RICOSTRUZIONE PRIVATA: A TERAMO SU 1235 RICHIESTE SOLO 20 CANTIERABILI. GLI IMBARAZZANTI DATI DELLA CISL

TERAMO – Non solo ricostruzione pubblica in empasse. Anche quella privata fornisce dati davvero imbarazzanti. A farlo la Filca Cisl. per voce del Segretario Gianluca De Sanctis, che in una nota stampa ci informa che “su 1235 richieste pervenute all’USR Abruzzo pari a 125 milioni, considerando che 16 dei 23 comuni del cratere sono in provincia di Teramo, ci sono solo 20 decreti di liquidazione per i quali si possono avviare i cantieri.”

 

Richieste Totali Richieste Edilizia Residenziale Richieste Attività Produttive In pre-Istrutt. o Istruttoria Decreti di Concessione Decreti di Liquidazione
1235 1074 161 918 134 20
100% 87% 13% 74% 11,8 1,6

 

Dei 20 decreti di liquidazione, 5 riguardano danni lievi alle abitazioni, lo 0,5% delle richieste; 15 riguardano le attività produttive, il 9% delle richieste, di cui  1 per danni lievi, 4 i danni gravi e 10 le delocalizzazioni.

Solo a pensare – continua la nota stampa – che l’attuale massa salari dell’edilizia provinciale, oggi, è di circa 25 milioni di €., con la partenza dei 1235 cantieri, ci sarebbe un incremento occupazionale diretto di almeno 1500 lavoratori edili, un incremento che modificherebbe profondamente l’economia provinciale del nostro settore, riportandoci verso ii valori pre-crisi. Tutto ciò senza considerare l’impatto sull’indotto dell’edilizia che, in quanto settore anticiclico, stimola l’avvio indiretto di almeno altri 16 settori merciologici.

Al primo posto nelle liste d’attesa per gli interventi di edilizia residenziale, c’è Teramo con 146 pratiche presentate, poi Montorio con 79 e Campli con 47 pratiche.

Per le solo attività produttive, invece, al primo posto troviamo Castel Castagna con 13 pratiche di danno grave, 7 per Teramo, 5 per Isola e Montorio e 4 per Campli: aziende chiuse e lavoratori licenziati per l’inefficienza della nostra macchina amministrativa.

Il problema di tali ritardi è legato alla lentezza con cui le pratiche vengono gestite dall’USR Abruzzo, il cui personale è composto da 26 addetti: 1 dirigente, 9 tecnici e 16 amministrativi.

Stiamo assistendo ad una leggera accelerazione dell’attività degli uffici, ma troppo poco rispetto a ciò che c’è da fare.

Sulle opere private, bisogna snellire le procedure farraginose del MUDE, il programma informatico per l’inoltro delle richieste, e dotare l’USR di uno staff tecnico idoneo, in grado di smaltire l’enorme mole di pratiche accumulate, anche con l’apporto delle svariate società partecipate della Regione Abruzzo.

Soluzioni che, come parti sociali del settore edile, abbiamo messo sul tavolo da molti mesi, ma che risultano irrealizzabili all’elefantiaca macchina istituzionale.

Adesso che abbiamo le risorse, ci dobbiamo tutti corciare le maniche è concentrarci sull’accelerazione del processo di avvio dei cantieri, dimostrando così il valore e l’efficienza della macchina pubblica, al servizio della sicurezza e del bene dei propri cittadini.

 

Read Previous

LA TORRESE FERMA SUL PARI A SAMBUCETO LA CORSA DELLA CAPOLISTA

Read Next

IL GIULIANOVA BATTE 2-1 IL CASSINO E SUPERA IL TURNO DI COPPA ITALIA