Coronavirus, Sebastiani (Cnr): miglioramento lento e valori ancora alti

ROMA – L’analisi delle curve dell’incidenza dei positivi al SarsCov2, dei pazienti Covid-19 ricoverati nei reparti di terapia intensiva e dell’incidenza dei decessi in Italia “mostra un lento miglioramento indotto dalle misure restrittive per le prime due e dalla vaccinazione degli over 80 per la terza. Ma i valori sono comunque al momento alti“. E per le riaperture, queste dovrebbero essere “selettive” per le diverse regioni, se non per le province. Sarebbe opportuno rilasciare in modo sostanziale le misure restrittive “quando i valori di incidenza dei positivi e di mortalità si siano sufficientemente ridotti rispetto a quelli attuali, come avvenuto nel Regno Unito che ora torna a condizioni di vita quasi normali“. Lo afferma il matematico Giovanni Sebastiani, dell’Istituto per le Applicazioni del Calcolo ‘Mauro Picone’ del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr-Iac) in un’analisi dei dati odierni e dell’andamento epidemiologico di Covid-19 in Italia delle scorse settimane. “Una soluzione sub-ottimale può consistere nel rilascio delle misure una volta che sia stata vaccinata (due somministrazioni) la popolazione over 70 che corrisponde a poco più dell’86% della mortalità anche se l’incidenza non fossa scesa significativamente“, rileva Sebastiani. L’esperto suggerisce dunque, ancora oggi, di “mantenere alto il livello d’attenzione” vista la presenza di una “eterogeneità a livello regionale“. “Infatti – spiega – ci sono regioni come Abruzzo ed Umbria che hanno superato da tempo il picco della curva delle terapie intensive. Come previsto, Lombardia ed Emilia Romagna l’hanno raggiunto la scorsa settimana e il Piemonte e il Lazio in quella corrente. In altre regioni, come ad esempio, Calabria, Sardegna, Sicilia, Toscana, Liguria e Valle d’Aosta la curva delle terapie intensive e quella dei relativi ingressi giornalieri sono entrambe in crescita” – ANSA –

Read Previous

Controlli anti assembramento a Teramo, Polizia Locale chiude un bar e ne multa altri due

Read Next

ABRUZZO IN… è nella Torricella Sicura delle 23 frazioni e delle 13 parrocchie