Venerdì ad Empatia la presentazione del libro “Kinshasa. Una storia di adozione”

TERAMO – Si terrà venerdì 12 aprile alle ore 18, nel bar libreria Empatia di via Milli a Teramo, la presentazione del libro “Kinshasa. Una storia di adozione” di Massimo Vaggi (Interlinea). Con l’autore interverrà Anna Amato della Onlus Genitori si diventa.

Il libro. Il 25 settembre 2013 le autorità della Repubblica Democratica del Congo sospendono l’uscita dal Paese dei bambini che, in forza di una sentenza di adozione internazionale, sono in attesa di raggiungere i genitori. Inizia così per oltre cento famiglie italiane e per i loro figli un lungo periodo di angoscia e incertezza, durante il quale si verificano i fatti che nel romanzo sono raccontati in un modo relativamente libero, ma che nulla toglie alla loro veridicità. L’autore narra della polvere e dei mercati di Kinshasa, dei bambini che vivono nelle sue strade, degli istituti e delle persone che tra innumerevoli difficoltà offrono loro protezione. Racconta di un crimine e di un’inchiesta inconsueta, che non si affida all’evidenza delle prove ma al potere della parola. Una narrazione drammatica che tuttavia, nella dimensione sorprendente delle motivazioni che muovono i protagonisti, propone alle nostre fragili certezze un’inversione inedita di significati e valori.

L’autore. Massimo Vaggi è nato a Domodossola nel 1957. Ha esercitato la professione di avvocato, specializzato in diritto del lavoro. È presidente di NOVA, associazione di volontariato di genitori adottivi, ente accreditato all’adozione internazionale. Tra le sue pubblicazioni: Un silenzio perfetto (Pendragon, 1996), Tu, musica divina (Interlinea, 1999), Delle onde e dell’aria (Mobydick, 2002), Al mare lontano (Pendragon, 2005), Sarajevo novantadue (PaginaUno, 2012), Gli apostoli del ciabattino (PaginaUno, 2016). Un suo racconto compare nell’antologia Lavoro vivo (Alegre, 2012).

Genitori si diventa onlus. «Siamo, in conclusione, un’associazione di volontariato a favore di chi desidera adottare e di chi ha già adottato, convinti che il benessere dei figli si basi sulla consapevolezza e sulla forza dei loro genitori. Approfondiamo temi che riguardano lo stato di abbandono dei bambini e dei ragazzi, il sostegno alle famiglie adottive e a quanti vogliono avvicinarsi all’adozione, per contribuire ad una corretta cultura dell’infanzia e dell’adolescenza. Siamo una rete di famiglie solidali e attive, uno spazio dove ritrovarsi per condividere i piaceri e le difficoltà dell’essere genitori ben sapendo che l’incontro, il confronto, il non sentirsi soli sono ingredienti importanti nell’accompagnare i figli nella crescita.»
www.genitorisidiventa.org

Read Previous

Teramo Vive contro Futuro In: “Non pensiamo solo alle papere”

Read Next

Aveva diffamato un artigiano su facebook: a processo un rosetano