Basket A2, Roseto cade al Palalido in casa dell’Urania Milano (73-62)

MILANO – Gli Sharks cadono al PalaLido di Milano contro i padroni di casa  dell’Urania per 73-62 dopo una gara comandata da fine primo quarto fino  al 29°, dove poi la maggiore lucidità lombarda ha avuto la meglio nel  finale. Roseto rimane a quota 8, a pari punti con Montegranaro e San  Severo ed a +4 su Orzinuovi, anche se quest’ultime hanno tutte una gara  in meno. L’Urania centra la seconda vittoria di fila (quinta nelle ultime sei), scavando il solco decisivo a cavallo tra 31° e 35°:  miglior marcatore locale un grande Nik Raivio con 24 punti, 9 rimbalzi, 4 assist e un paio di triple importanti nella seconda parte di gara, 12 e 8 assist per Sabatini , 9 e 11 rimbalzi per Lynch. Dall’altra parte (out Menalo e Lattin) solita prova super di Jordan Bayehe con 27 punti e 14 rimbalzi, 12 per capitan Pierich, 11 e 7 rimbalzi per il neo acquisto Bobby Jones, alla sua prima gara con gli Sharks.
Grande terzo parziale per i padroni di casa, 25-14 il computo totale nel periodo, che di fatti ha rimesso in gara Montano e compagni, con Roseto che ha sofferto tantissimo le scorribande dei lombardi.

Dopo un inizio di gara un po’ sulle gambe, 8-2, gli Sharks si scuotevano grazie ad un grande Bayehe, Milano soffriva la fisicità rosetana vicino a canestro e soprattutto l’aggressività dei biancazzurri: 17-16 dopo i primi dieci minuti, ma è nel secondo periodo che la Sapor Veri comincia ad allungare con un difesa perfetta, capace di lasciare all’Urania solamente 12 punti in dieci minuti. Bobby Jones segna i primi punti in maglia Roseto, De Fabritiis mette canestri pesanti ma è ancora Jordan
Bayehe a caricarsi tutto il peso offensivo sulle spalle e devastare il canestro avversario. All’intervallo il tabellone recita 29-36.

Nel terzo parziale gli Sharks cominciano forte: massimo vantaggio sul 29-40 con Jones sugli scudi. Time-out milanese e qui comincia il Raivio show. L’esterno americano ex Legnano piazza canestri su canestri, ben coadiuvato da Sabatini, e Milano piazza un break pesantissimo di 25-10, andando addirittura sopra a fine periodo.

Roseto comincia ad avere difficoltà nella metacampo offensiva, Nikolic e Jones vanno fuori dai giochi per problemi di falli, il tempo è ora amico dell’Urania e ancora Raivio e Sabatini mettono i canestri della sicurezza. Si conclude sul 73-62.

Prossimo turno domenica 15 dicembre, gli Sharks torneranno al PalaMaggetti ospitando Ferrara per l’ultimo turno di andata della regular season.

FABIO TALAMONTI

Read Previous

Volley, la Blueitaly Pineto vince il derby con la Virtus Paglieta e conquista il primato in classifica

Read Next

Handball, la Lions Teramo si congeda dal 2019 con un pareggio sul parquet di Benevento