Sant’Egidio, orari ridotti all’Ufficio Anagrafe: la polemica del centro-destra

SANT’EGIDIO ALLA VIBRATA – Il Sindaco Elicio Romandini  mentre cerca le chiavi per far partire la macchina amministrativa, tutt’ora ferma ai box, pensa  bene di ridurre i giorni di apertura dell’Ufficio Anagrafe e bloccare opere importanti per la collettività”.

Così i consiglieri del Centrodestra per Sant’Egidio alla Vibrata dopo la decisione del sindaco di  limitare i giorni di apertura del servizio al martedì, giovedì e sabato dalle 9.30 alle 13.30

E’ un problema che noi conosciamo bene- continuano i consiglieri- considerate le critiche  e le strumentalizzazioni dell’allora opposizione presieduta dallo stesso Romandini.

Una problematica quello dell’Ufficio Anagrafe che non è esclusiva del Comune di Sant’Egidio ma di tanti comuni italiani.

Pensare però di risolvere l’annoso problema, riducendo a tre i giorni di apertura  e bloccando di fatto il servizio in giorni chiave come il lunedì, mercoledì e venerdì,, non ci pare la soluzione migliore.

Nella passata legislatura, ci siamo trovati a dover fronteggiare diverse emergenze, dovute alla carenza del personale, ma non abbiamo nascosto come si dice la testa sotto la sabbia.

Ci siamo assunti tutte le nostre responsabilità, ci abbiamo messo la faccia, intervenendo anche in prima persona per cercare di limitare i disagi.

Chiediamo al primo cittadino di fare un passo indietro e  trovare soluzioni alternative per il bene di tutta la comunità.

Del resto, criticare quando si è dall’altra parte è semplice, dare risposte concrete e risolvere i problemi quando si è chiamati a farlo è più difficile…”

 

Il capogruppo Alessandro Forlini

Read Previous

Commercio, vendite in agosto negative dello 0,6%: bene il commercio online

Read Next

Futura Volley Teramo, prosegue la pre-season: anche ad ottobre aperte le iscrizioni