Pollice verso per Paolo “Paolino” Gatti

“Una condanna”, sembra incredibile come si possa continuare a chiamare in causa Paolo Gatti in tutte le vicende politiche della città di Teramo e della Provincia… Lui continua a ripetere che la politica attiva non lo riguardi più e che non sa davvero come fare per uscire da questo piccolo, grande equivoco. Delle due, l’una: o gli si crede oppure no.

Si ha l’impressione che non sia creduto e ci si chiede perchè; se lo chiederà anche lui?

Noi abbiamo l’impressione che l’enfant prodige della politica cittadina, “espatriato” rapidissimamente oltre confine, stia combattendo una battaglia persa se, svolgendo il nostro lavoro e avendo a che fare con il “suo” mondo o “ex mondo”, questione di fiducia accordata o meno, lui c’è sempre! C’è a Teramo e in più vicende come a Giulianova, c’è ad Isola del Gran Sasso come a Montorio al Vomano, c’è a Roseto degli Abruzzi come in Provincia… è ovunque!

Eppure Gatti continua a ripeterci che non va oltre il minimo sindacale, poco più di qualche consiglio a vecchi amici e niente più.

Diciamocela tutta: la situazione ha del paradossale, ancor di più se i “grandi movimenti” della politica, quelli che hanno un peso specifico importante, viaggino sull’asse Teramo-Roseto degli Abruzzi: poco importa se a trainare il carro siano ex avversari, oggi non più.

Indizi? Forse anche più, ma non certezze: è in questa situazione “indefinita” perché non formalizzata, che Paolo “Paolino” Gatti continua a ripeterci d’essere, oramai, uno che con la politica attiva non c’entri più nulla.

Immaginandoci in una assemblea popolare romana, chiamati ad alzare il pollice, il nostro non sarebbe all’insù.

Read Previous

Confinato ai domiciliari passeggiava per Martinsicuro: arrestato 58enne

Read Next

Calcio, è deceduto l’ex calciatore del Teramo anni ’60 Pietro Capoccioni