Roseto, da Casa Civica e Altra Città una proposta per gli esercenti di ampliamento superficie commerciale

ROSETO – Casa Civica, insieme al movimento Altra Città, lancia una proposta all’amministrazione comunale di Roseto che mira a permettere agli esercenti di ampliare la superficie commerciale in modo gratuito durante la fase 2 dell’emergenza, senza pagamenti aggiuntivi di Cosap e Tari. La proposta è contenuta in una mozione presentata dal capogruppo Mario Nugnes.

La mozione, che verrà votata si spera al primo consiglio comunale utile, mira a tutelare la salute pubblica favorendo il distanziamento sociale dei clienti degli esercizi pubblici e, dall’altro lato, ad agevolare il lavoro di esercenti e negozianti rosetani durante la auspicata ‘’Fase 2’’, ovvero quel periodo compreso tra la fine del blocco totale (‘’fase 1’’) e il completo ritorno alla normalità durante il quale sarà presumibilmente necessario continuare ad adottare misure di distanziamento in negozi e altre attività pubbliche.
La mozione prevede nello specifico la possibilità per gli esercizi commerciali di aumentare la superficie esterna da loro occupabile con tavoli e sedie (nel caso di bar e ristoranti) e con espositori nel caso di altri esercizi, senza alcun aggravio sia per quanto riguarda la Tosap sia per quanto riguarda la Tari.

“Una delle misure che ci attendiamo impatterà pesantemente sulle nostre attività sarà l’obbligo del rispetto di una distanza di sicurezza nei luoghi pubblici per evitare assembramenti – dichiara Mario Nugnes – con conseguente drastica riduzione dei posti disponibili e di capienza dei locali, per questo vogliamo venire incontro alle esigenze di negozianti ed esercenti”. “La nostra proposta – continua Mattia Vittorio Narcisi di Casa Civica – cerca di aiutare gli esercizi commerciali, prevedendo che possano avere più spazio a loro disposizione sistemando tavoli o espositori nelle zone esterne dei suddetti esercizi, sempre nel totale rispetto del decoro e della sicurezza, senza pagamenti aggiuntivi di Tosap e Tari”

“L’iniziativa- conclude Gianni Mazzocchetti, altro promotore con Altra Città della mozione – ci permette di accelerare una pronta ripresa per gli esercenti del nostro territorio, a cui siamo vicini in questo particolare momento, attraverso un provvedimento concreto che coniughi interessi economici e rispetto dei presidi e delle indicazioni che saranno fornite dalle autorità sanitarie e governati.

Read Previous

Zootecnia in crisi, Coldiretti invita a mangiare italiano a Pasqua per sostenere la filiera locale e gli allevatori

Read Next

Inps e Abi, nuove misure per ridurre tempi accredito dei trattamenti di integrazione al reddito