Regione Abruzzo, i provvedimenti adottati in Giunta

L’AQUILA – Nella seduta odierna, che si è tenuta questo pomeriggio, a Palazzo Silone, a L’Aquila, presieduta dal Presidente della giunta Marco Marsilio, sono stati adottati i seguenti provvedimenti:

su proposta del vice Presidente con delega all’Agricoltura, Emanuele Imprudente, approvata la delibera per superare l’emergenza idrica nel comprensorio del Vastese. Saranno impiegate le economie derivanti dai ribassi d’asta ed eventuali ulteriori economie provenienti da altri programmi di intervento sul servizio idrico ed i sistemi fognari.

I comuni che ne beneficeranno sono: Vasto, San Salvo, Monteodorisio, Cupello, Casalbordino, Lentella, Gissi, San Buono, Furci, Liscia, Castiglione Messer Marino, Guilmi, Roccaspinalveti, Torrebruna, Celenza sul Trigno, Montazzoli, Casalanguida, Palmoli, Castelguidone, Scerni, Fresagrandinara, Fraine, San Giovanni Lipioni, Dogliola, Carpineto Sinello, Tufillo, Pollutri e Carunchio. Si tratta di economie che sarebbero state destinate ad ulteriori interventi relativi ai comuni di Guardiagrele, Orsogna, San Martino alla Marrucina, Filetto, Casacanditella, Pennapiedimonte e Palombaro, per l’ottimizzazione delle reti idriche comunali che invece serviranno alla riduzione della criticità idrica del vastese, vista l’assoluta priorità di intervento.

Approvata la delibera che consente l’approvvigionamento idrico in condizioni di emergenza per l’ambito pescarese, attraverso l’utilizzo di fonti idriche aggiuntive presente nel campo Pozzi che si trova a Bussi, in via della Repubblica. Viene consentito così il prelievo di acqua necessario a garantire i volumi sufficienti per la popolazione per l’uso idrico potabile del comprensorio pescarese per quantità e periodo minimi necessari a far fronte a contingenti esigenze locali.

Approvato l’accordo di collaborazione tra il ministero dell’Ambiente del territorio e del mare e la Regione Abruzzo per il reciproco sostegno nello svolgimento di attività condivise, di ricerche, di elaborazioni di documenti tecnici, sviluppo di azioni pilota, per il disegno di policy integrate, definizione di metodi e strumenti per il monitoraggio, che consentano la promozione di strategie nazionali e regionali per lo sviluppo sostenibile. Nel progetto saranno coinvolti anche esponenti della società civile e associazioni impegnate nello sviluppo sostenibile.

Su proposta dell’assessore Guido Quintino Liris, approvata una variazione di bilancio di previsione in base alla richiesta pervenuta dal Dipartimento della Sanità per l’iscrizione di entrate e di corrispondenti spese, derivanti da assegnazioni vincolate per l’emergenza Covid – 19.

Approvato, su proposta dell’assessore Piero Fioretti, lo schema di accordo di programma tra il ministero del Lavoro e delle Politiche sociali e la Regione Abruzzo. L’accordo prevede la realizzazione di un programma di interventi che sostengono le attività di associazioni di promozione sociale ed organizzazioni di volontariato. Il programma consente un finanziamento per oltre un milione di euro. L’80% per cento del finanziamento sarà trasferito alla Regione Abruzzo all’esito della trasmissione del piano operativo, mentre il restante 20% sarà corrisposto ad avvenuta acquisizione della relazione finale della rendicontazione delle attività svolte.

Approvato anche il “Dispositivo regionale di riconoscimento dei crediti formativi in chiave europea” che consente il riconoscimento dei risultati dell’apprendimento conseguiti attraverso apprendimenti formali non formali ed informali nell’ambito dei percorsi di formazione professionale di competenza della Regione Abruzzo. Il riconoscimento assicura a tutti pari opportunità di valorizzazione delle conoscenze e delle competenze acquisite, delle attitudini e delle scelte individuali in una prospettiva personale, sociale ed occupazionale.

Con una delibera approvata oggi la Regione Abruzzo intende aderire alla seconda sperimentazione del Programma “Care Leavers”, relativa ad interventi in favore di coloro che, al compimento della maggiore età, vivono fuori dalla famiglia di origine sulla base di un provvedimento dell’autorità giudiziaria, al fine di accompagnarli verso l’autonomia. La quota di cofinanziamento, prevista nella misura del 20% del costo della sperimentazione, sarà sostenuta dall’ECAD soggetto attuatore.

Read Previous

Unione inquilini, verso il contributo all’affitto straordinario. Intanto sbloccati 70 milioni per morosità

Read Next

Scuola, nessun taglio docenti in Abruzzo: Ministero accetta richiesta sindacati