Aeroporto d’Abruzzo, accordo per cassa integrazione straordinaria. Intanto scalo rimane in attesa per ripartenza

PESCARA – Chiuso da SAGA (Società di gestione aeroportuale), l’accordo per la CIGS (cassa integrazione straordinaria) ai dipendenti a partire dal 6 aprile, legata all’emergenza coronavirus.

Il personale necessario, garantirà comunque i rilevanti servizi di emergenza già attivi dall’inizio dell’emergenza sanitaria (elicotteri di Forze dell’ordine, Vigili del Fuoco, 118, Capitaneria di Porto, oltre ad aerei militari e privati).

La cassa integrazione sarà utilizzata a rotazione e con la massima equità, nei confronti dei lavoratori che “ringrazio tutti – sottolinea il Presidente della Saga Enrico Paolini – per l’enorme sforzo ed i sacrifici di queste settimane”.

Prosegue, intanto, a pieno ritmo il lavoro per la progettazione del Master Plan, per essere pronti a dare il via ai lavori appena possibile.

Anche i rapporti con le compagnie aeree Ryanair e Volotea, in queste settimane sono proseguiti, nell’ottica di una ragionevole e sicura ripresa dei voli e “siamo in attesa di sapere presto – prosegue Paolini – quando Alitalia intenda riprendere l’indispensabile volo su Milano Linate, determinante per la ripresa economica regionale”.

Riguardo l’emergenza coronavirus, inoltre, in questo periodo l’Aeroporto d’Abruzzo ha svolto azioni diffuse e ripetute di sanificazione di ogni ambiente garantendo così una permanente agibilità sanitaria della struttura.  

“Riteniamo nel pieno e totale rispetto delle ordinanze nazionali, regionali e comunali – conclude il Presidente Enrico Paolini – di essere pronti ad una graduale e prudente ripartenza dell’Aeroporto, secondo il calendario che il Governo e la Regione decideranno”.

Copertina: foto d’archivio

Read Previous

Caso Liris, il M5S a gamba tesa: Giorgia Meloni che ne pensa?

Read Next

Calcio C, Lega e calciatori al Governo: “Dateci la Cig”