“Abruzzo Regione del Benessere”, Quaresimale: piano straordinario a sostegno imprese per rilancio turismo

TERAMO – «L’Abruzzo è la quinta Regione al mondo per qualità della vita: questo il punto di partenza per rilanciare il settore del turismo regionale. I danni al settore turistico causati dal Covid19 sono ingenti: occorre dunque ragionare in termini di sistema per risalire la china». Così in una nota il Capogruppo della Lega e Consigliere Regionale Pietro Quaresimale.

«L’Abruzzo costituisce un unicum  caratterizzato da vari settori integrati e coordinati tra loro», prosegue Quaresimale, «possiamo quindi mettere in campo una serie di interventi mirati al rilancio delle  nostre eccellenze: dalla buona tavola alla promozione della cultura, all’arte, allo sport, ai percorsi religiosi, alla montagna, al mare, ai prodotti tipo e alla moda.

Fare squadra puntando sui nostri settori chiave è fondamentale per garantire possibilità concrete di recupero e di sviluppo del turismo nonché, più in generale, dell’economia regionale.

Ciò detto, è chiaro che per prima cosa bisogna realizzare un piano straordinario di marketing con il prodotto “Abruzzo” inteso nella sua unitarietà e specificità.

In questo senso abbiamo già richiamato nell’ultima legge regionale (n.9/2020) i principi dello sviluppo sostenibile e, soprattutto, di “Abruzzo Regione del Benessere”: un marchio, un’idea di turismo attento alla conservazione ed alla valorizzazione della natura in un’ottica moderna; un programma cioè attento al benessere delle persone (in questo caso i turisti), che possono apprezzare la bellezza del nostro territorio e le nostre peculiari caratteristiche in un contesto di fruibilità sostenibile. Abruzzo Benessere rappresenta un’idea di tutela ambientale ed un progetto strategico di sviluppo ideato dalla Lega e che costituisce un autentico pilastro per il rilancio della nostra Regione.

Il nostro programma è già diventato legge con la finanziaria Regionale (art.41); lo stesso programma, ora più che mai, deve diventare l’idea forte, il brand della valorizzazione turistica dell’Abruzzo.

In questo senso raccolgo e condivido la preoccupazione dei Sindaci della costa teramana per l’imminente stagione turistica: nella prossima variazione di bilancio siamo impegnati ad implementare la progettualità di Abruzzo Benessere come importante leva economica partendo dallo “star bene”, ovvero da un programma turistico in grado di puntare sull’educazione alimentare e sul benessere dei turisti, anche in termini di prevenzione sanitaria (tema di straordinaria attualità nell’attuale congiuntura).

Ovviamente il progetto dovrà prevedere specifiche provvidenze per operatori turistici, commercianti ed artigiani che aderiranno al programma in coerenza con i principi del turismo sostenibile: il lancio del brand “Abruzzo Benessere” sarà accompagnato da fondi regionali sufficienti a sostenere le imprese del settore, così neutralizzando gli effetti della emergenza sanitaria in atto.

L’ambizioso progetto necessita dello spirito collaborativo di tutti, a partire dal Consiglio Regionale, coinvolgendo sia  operatori privati che enti pubblici: mai come in questo momento è necessario fare squadra per aiutare la nostra Regione a superare l’emergenza economica conseguente a quella sanitaria. Ma, come sempre, ce la faremo e torneremo più forti che mai», conclude il capogruppo della Lega in Regione Abruzzo.

Read Previous

Sant’Omero, il Prefetto chiude per altri 25 giorni il bar Cosmopolitan a Garrufo

Read Next

Coronavirus, un italiano su due costretto a rinviare cure: indagine su emergenza di Uecoop/Ixè