IL SAMBUCETO VINCE LA SESTA: STOP IMPREVISTI PER CHIETI E NERETO

I colpi di coda della giornata arrivano dalle squadre che erano l’ultima e la penultima della classe, Nerostellati ed Amiternina. A farne le spese una “grande” del campionato (il Chieti) ed una presunta tale (il Nereto). Fa decisamente più male ai neroverdi che sono partiti per vincerlo il campionato (se è però vero che il buongiorno si vede dal mattino…), ma fa altrettanto male ai vibratiani ed ex teramani, che al torneo hanno approcciato con una rosa di primissima fascia, peraltro anche implementata da innesti di spessore, strada facendo.

Chi sa che dovrà lottare fino al termine, con programmi diversi, è il Pontevomano, che infatti perde seccamente a Capistrello, al pari del Martinsicuro, macinato dalla Curi.

Onore al merito, invece, all’Alba Adriatica versione “under”: ha perso, sì, ma di misura e con l’incontrastato, per adesso, padrone del torneo.

Tra le teramane l’unica ad aver ripreso a sorridere è la Torrese, vittoriosa nell’anticipo del sabato, che sale al terzo posto e si prende. in coabitazione. la leader ship provinciale.

Non conterà a nulla, è vero, ma fino alle ore 15:00 odierne apparteneva, in esclusiva territoriale, ad altri.

ECCELLENZA 6^ GIORNATA:  TORRESE – ACQUA E SAPONE 2-1 (SAB)    ALBA ADRIATICA – SAMBUCETO 1-2    AMITERNINA – NERETO 2-1    CAPISTRELLO – PONTEVOMANO 3-1    CUPELLO – FLACCO PESCARA 1-1    MIGLIANICO – SPOLTORE 0-0    NEROSTELLATI – CHIETI 3-1    PENNE – PATERNO 1-1    CURI ANGOLANA – MARTINSICURO 3-0

CLASSIFICA ECCELLENZA:  SAMBUCETO 18    CAPISTRELLO 12    NERETO 11    TORRESE 11    CHIETI 9    ALBA ADRIATICA 9  FLACCO PESCARA 9    SPOLTORE 9    PATERNO 9    ACQUA E SAPONE 8    CURI ANGOLANA 7    PENNE 6    CUPELLO 6    MIGLIANICO 6    AMITERNINA 5    MARTINSICURO 4    PONTEVOMANO 4    NEROSTELLATI 4

 

 

(foto tratta da gruppo FB Irriducibili Ultras Nereto)

Read Previous

CHE TEMPO FARÀ LUNEDÌ 8 OTTOBRE 2018… A CURA DI PIERLUIGI CASALENA

Read Next

TERAMO, ALL’UNIVERSITÀ DUE WORKSHOP SU PATRIMONIO GEOLOGICO DEL PARCO E L’ACQUIFERO DEL GRAN SASSO