La proprietà: “Abbiamo scelto di restare nel centro storico nonostante i cantieri e le tante attività chiuse e che delocalizzano: il borgo non può morire”.

MONTORIO AL VOMANO – Impalcature, gru e transenne non hanno fermato la proprietà della gioielleria D’Alessio a Montorio che domani 7 dicembre riapre dopo i lavori di ricostruzione 2016 scegliendo di rimanere nella sede storica. La gioielleria è la più antica di Montorio e ha visto generazioni di clienti da tutto l’entroterra passare nel proprio negozio. Una scelta che sfida i disagi dei tanti cantieri in Corso Valentini e soprattutto le tante saracinesche abbassate del centro storico, la parte più ferita dal sisma e con il maggior numero di sfollati, come un atto d’amore e resilienza per il proprio paese. “Abbiamo deciso di rimanere qui con convinzione e per un gesto di autentico affetto per il centro storico che ogni giorno perde attività che delocalizzano o peggio chiudono” spiegano Vinicio Di Battista e Sandra Zuccarini. “Non è stato facile in questi anni continuare a lavorare con tutta le gente che si è trasferita o che è sfollata e non lo sarà ora con i cantieri attorno che ci coprono, a volte bloccano il passaggio veicolare e non sono attrattivi per fare una passeggiata ad ammirare le poche vetrine rimaste, ma crediamo nel paese, nella ripresa che ci sarà con la ricostruzione e nei nostri clienti che ci hanno dimostrato sempre fedeltà”. E lanciano un appello finale: “Il borgo non può e deve morire e sta a noi tutti, ognuno per la propria parte, fare sì che ciò non accada”.