Controlli anti assembramento, chiusa una nota discoteca di Alba Adriatica

TERAMO – Nell’ambito dei servizi di prevenzione e repressione dei reati disposti dal Questore di Teramo, particolare attenzione è riservata alla movida lungo la costa teramana. I servizi della stagione estiva 2020 prevedono un obiettivo ulteriore: la verifica del rispetto dei protocolli di sicurezza volti al contrasto del COVID-19.
Nella serata tra sabato e domenica è stato effettuato un servizio interforze in località Alba Adriatica. All’operazione coordinata da un Funzionario di Pubblica Sicurezza hanno preso parte: un contingente della Questura e la Squadra di Polizia Amministrativa della Divisione P.A.S., la Polizia Scientifica, la Polizia Stradale, equipaggi territoriali dell’Arma dei Carabinieri ed un’aliquota dei N.A.S., pattuglie della Guardia di Finanza , unità cinofile antidroga della G.d.F. e dei C.C..
Ciascuna Forza di Polizia ha provveduto ad eseguire specifici controlli secondo le rispettive competenze: la Squadra di Polizia Amministrativa della Questura per la regolarità dei titoli autorizzatori, i N.A.S. per il rispetto delle norme igienico sanitarie, la G.d.F. per la regolarità fiscale, la Polizia Stradale per il contrasto alla guida in stato di ebbrezza, la Polizia Scientifica per la documentazione della situazione.
Le unità cinofile della G.d.F. e dei Carabinieri hanno individuato al di fuori del locale due persone in possesso di modica quantità di stupefacenti; i soggetti sono stati segnalati alla locale Prefettura U.T.G.
Al momento del controllo erano presenti numerosi avventori nel locale, oltre 2.000; palese è risultata la violazione dell’Ordinanza Regionale nr. 74 che prevede protocolli anti Covid-19 in particolare il divieto di assembramento. E’ stata pertanto disposta, nell’immediato, la chiusura del locale per giorni cinque.
I controlli proseguiranno nei prossimi giorni in tutta la provincia teramana.

Read Previous

Montorio, Di Giambattista mette d’accordo tanti nel centrosinistra e tutti… altrove

Read Next

Decreto Rilancio, altri 30 milioni per enti pubblici e imprese delle aree interne